Google+

Eritrea. Storia di Ruth, «costretta a educare i miei figli al cristianesimo di nascosto»

ottobre 11, 2017 Leone Grotti

In Eritrea non esiste libertà religiosa e i cristiani non riconosciuti vivono nel terrore. Come Ruth: «La nostra vita di tutti i giorni è un incubo»

migranti-ansa

Ruth è cristiana ma non può dirlo a nessuno. Abitando in Eritrea e non appartenendo a nessuna delle quattro religioni riconosciute dal regime africano, verrebbe subito arrestata. Suo marito, pastore di una chiesa protestante, è stato arrestato da oltre 15 anni e mai più rilasciato, e lei fatica ad educare i suoi tre figli alla fede cristiana di nascosto.

COREA DEL NORD AFRICANA. Non è un caso se l’Eritrea, retto da oltre 20 anni dal dittatore Isaias Afewerki, è definita la Corea del Nord africana. Nel paese non esiste alcuna libertà piena, né religiosa, né di culto, né di espressione o stampa. Nel 2002 il governo ha riconosciuto ufficialmente quattro confessioni religiose: ortodossi, cattolici, evangelici luterani e musulmani sunniti. I fedeli di queste religioni hanno una limitatissima libertà di culto, tutti gli altri neppure quella. Teoricamente, qualunque confessione può registrarsi per essere riconosciuta ma nei fatti le richieste vengono sempre respinte e usate per reprimere chi fa domanda. La persecuzione è tale che secondo un rapporto dell’Onu «il regime percepisce la religione come una minaccia alla sua stessa esistenza».

PREGARE DI NASCOSTO. Solo tra maggio e giugno sono stati arrestati più di 120 cristiani e Ruth, nome di fantasia utilizzato da Open Door Usa per proteggerla, cerca in ogni modo di scampare a questo destino senza però rinunciare alla sua fede. «Sono nata in una famiglia cristiana», racconta la donna sulla trentina, «ma solo nel 1994 sono entrata in una relazione personale con Cristo e ho cominciato davvero a seguirlo. A quel tempo, la chiesa in Eritrea godeva ancora di grande libertà, poi nel 2002 è cambiato tutto e abbiamo cominciato a pregare Dio in segreto». Suo marito è stato arrestato nel 2003 e «da allora la vita per noi è diventata molto difficile»: «Adesso ho sempre paura e sono preoccupata per mio marito, mi chiedo dove sia e se stia bene. Mi spezza il cuore vedere quanto manca ai miei figli, che piangono sempre chiedendomi dov’è». La difficoltà più grande per Ruth è tirare avanti senza essere scoperta: «Quando un bambino nasce in Eritrea, il documento più importante, oltre al certificato di nascita, è quello di battesimo in una delle chiese riconosciute. Chi non ce l’ha può iscrivere i figli a scuola ma non può ricevere una tessera annonaria, importantissima per ricevere cibo a prezzi calmierati e per accedere agli altri servizi pubblici. Il sistema è fatto perché chi milita in una chiesa non riconosciuta venga più facilmente scoperto».

«CANTARE I GOSPEL SOTTOVOCE». I cristiani indipendenti in Eritrea sono considerati come «agenti degli imperialisti occidentali e nemici della madrepatria». E così, continua Ruth, «subiamo una doppia repressione: siamo sotto la costante pressione del governo e della società. Non solo molte case subiscono spesso irruzioni della polizia per scoprire se qualcuno prega di nascosto ma anche la vita di ogni giorno diventa impossibile. Siamo esclusi da qualunque servizio pubblico e anche trovare lavoro è più difficile. Bisogna sempre stare attenti a quello che si dice». Inoltre, poiché nel paese «molte persone hanno cominciato a indossare braccialetti e collanine per rendere evidente la propria appartenenza religiosa, i miei figli che non portano niente vengono guardati con sospetto». Ruth insegna ai suoi bambini a casa il Vangelo e i gospel, «il problema è che sono troppo giovani per capire qual è la situazione. Vorrebbero sempre cantare a squarciagola invece che sottovoce e parlare con i loro compagni di classe di quello che io insegno loro. Un giorno, la polizia è entrata in casa nostra e loro hanno cominciato a cantare le prime parole di un anno. Sono corsa a tappargli la bocca. Ci siamo salvati ma loro non capiscono perché non possono dire niente a nessuno. Vorrei dare loro un futuro e una fede, ma cosa accadrebbe se venissi arrestata?».

MIGLIAIA DI PERSEGUITATI IN CARCERE. Ruth non è l’unica donna che vive nell’angoscia. Secondo la testimonianza a Tempi di un sacerdote che ha visitato di recente l’Eritrea, e che non può rivelare il suo nome per ragioni di sicurezza, ancora oggi, nelle oltre 300 carceri, ufficiali e non, sparse per il paese languono più di 10 mila prigionieri politici e di coscienza in condizioni spaventose. I cristiani incarcerati per la loro fede sono «migliaia», il dato più credibile si aggira intorno alle tremila unità e si può essere arrestati anche solo per il possesso di una Bibbia. «La situazione è molto delicata», spiega: «I cattolici, che godono del riconoscimento statale, sono comunque confinati dentro le mura delle chiese, dove possono praticare le loro attività. Fuori non possono fare nulla. Il proselitismo è vietato e anche per stampare libri religiosi ci vuole un’autorizzazione dello Stato. A malapena c’è la Bibbia, che comunque è molto costosa e difficile da reperire».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.