Google+

Dopo il Cinquecento, il rosso sarà il colore dominante a Firenze

agosto 9, 2017 Gianfranco Ferroni

A Palazzo Strozzi, una mostra di oltre settanta opere di artisti come Michelangelo, Bronzino e Giorgio Vasari, mentre in periodo elettorale, un’esposizione sulla “Nascita di una Nazione”

turcato_comizio

A Firenze si punta sul Rinascimento: è il richiamo migliore per attirare i turisti, è il core business della città. Così, dal 21 settembre e fino al 21 gennaio del prossimo anno le sale di Palazzo Strozzi ospiteranno la mostra Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna, esposizione mostra dedicata all’arte cinquecentesca fiorentina ideata per mettere in dialogo oltre settanta opere di artisti come Michelangelo, Bronzino, Giorgio Vasari, Rosso Fiorentino, Pontormo, Santi di Tito, Giambologna, Bartolomeo Ammannati. Si tratta dell’ultimo atto di una trilogia di mostre di Palazzo Strozzi a cura di Carlo Falciani e Antonio Natali, iniziata con Bronzino nel 2010, e proseguita con Pontormo e Rosso Fiorentino nel 2014: la rassegna vuole celebrare una eccezionale epoca culturale e di estro intellettuale, segnata dalla Controriforma del Concilio di Trento e dalla figura di Francesco I de’ Medici, uno dei più geniali rappresentanti del mecenatismo di corte in Europa.

Quella di Bronzino fu un’esposizione unica nel suo genere, la prima dedicata all’opera di uno fra i più grandi pittori del Cinquecento, Agnolo di Cosimo, detto il Bronzino (1503-1572), raffinato pittore di corte negli anni del governo di Cosimo I de’ Medici, fra i più grandi dell’arte italiana. Ottenne prestiti dai più importanti musei del mondo offrendo al visitatore la possibilità di ammirare una settantina di opere pittoriche dell’artista (l’80 % della sua produzione), più altre di Pontormo, Cellini, Tribolo, Bandinelli, Pierino da Vinci, Alessandro Allori. Quindi, la mostra dedicata all’opera di Pontormo e Rosso Fiorentino, i pittori più anticonformisti e spregiudicati fra i protagonisti del nuovo modo di intendere l’arte in quella stagione del Cinquecento italiano che Giorgio Vasari chiama ‘maniera moderna’. Due artisti che si formarono con Andrea del Sarto pur mantenendo entrambi una forte indipendenza e una grande libertà espressiva: uno, Pontormo, fu pittore sempre preferito dai Medici e aperto alla varietà linguistica e al rinnovamento degli schemi compositivi della tradizione, l’altro, il Rosso, fu invece legatissimo alla tradizione pur con aneliti di spregiudicatezza e di originalità, influenzato anche dalla letteratura cabalistica e dall’esoterismo.

cinquecento

Ma il colpo d’occhio da sottolineare sarà quello dedicato al periodo elettorale, ovvero quella della prossima primavera: sì perché per una singolare coincidenza, dal 16 marzo al 15 luglio, dopo Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna, il turno toccherà alla mostra intitolata Nascita di una Nazione. Arte italiana dal Dopoguerra al Sessantotto, curata da Luca Massimo Barbero e vivacizzata dalla visione dello storico quadro di Giulio Turcato ricco di bandiere rosse. Un viaggio tra arte, politica e società attraverso opere di artisti come Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto. Il rosso sarà il colore dominante a Firenze. Ma stavolta il protagonista non sarà Rosso Fiorentino.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.