Google+

Dal mondo 7

febbraio 23, 2000 Tempi

Dal mondo

Giustizialismo planetario impantanato a Giakarta…

Al summit di Davos aveva promesso, fra lo scetticismo generale, di rimuovere l’ex capo di stato maggiore dalle sue funzioni ministeriali. Due settimane dopo ha mantenuto la parola data: il 14 febbraio il presidente indonesiano Wahid ha “sospeso” il generale Wiranto dal governo in cui ricopriva la carica di ministro per il coordinamento delle politiche della sicurezza a motivo delle accuse nei suoi confronti contenute nel rapporto finale della commissione che ha indagato sui massacri di settembre a Timor Est. A Davos Wahid aveva detto, a irritazione degli ascoltatori: “Wiranto dovrà difendersi in tribunale. Subito dopo la condanna, gli concederemo la grazia”. Il presidente indonesiano sta in effetti giocando una partita molto difficile: la comunità internazionale ha minacciato l’istituzione di un tribunale per crimini di guerra e l’isolamento dell’Indonesia se Giakarta non provvederà a fare giustizia dei crimini commessi a Timor; ma punire i responsabili equivale a sollevare l’ira delle forze armate contro il fragile esecutivo che sta reggendo la transizione democratica dell’Indonesia. Per tentare di far quadrare il cerchio Wahid sta allestendo una sceneggiata che solo degli asiatici saprebbero tenere in piedi: il processo ai militari si farà, così come si è fatta la commissione di inchiesta, ma alla fine sarà punito solo qualche capro espiatorio, e Wiranto se la caverà con una tirata di orecchie per semplice “omissione di controllo” sui paramilitari. L’Onu e l’Occidente potranno anche non accettare la farsa, ma allora si accolleranno la responsabilità di una nuova destabilizzazione dell’Indonesia.

… e preso in trappola a Phnom Penh (Cambogia) Problemi simili a quelli di Giakarta si registrano a Phnom Penh, capitale della Cambogia che conobbe l’apocalisse dei khmer rossi. Un quarto di secolo dopo l’Onu si è svegliata e, agitata da sacro fuoco, ha deciso di creare un tribunale internazionale per punire i pochi responsabili sopravvissuti degli orrori di quell’epoca (2 milioni di persone vittime dell’ultimo genocidio comunista della storia). Ma non aveva fatto i conti col governo locale, che prima ha offerto tutta la sua collaborazione, ma poi ha cercato di strumentalizzare l’iniziativa per scopi interni. Scrive il settimanale Asiaweek di Hong Kong: “Hun Sen (il primo ministro filo-vietnamita – ndr) vuole che il controllo decisivo resti alla Cambogia e sostiene che il paese può perfettamente gestire il tribunale senza l’intervento dell’Onu. Dopo quasi un anno di incontri, le due parti sono riuscite a concordare che il processo si svolga a Phnom Penh e che ci sia un coinvolgimento internazionale di qualche tipo. Ma non c’è nessun accordo definitivo. Le Nazioni Unite chiedono di ricoprire un ruolo almeno paritario. In qualunque misura l’Onu voglia essere coinvolta, non può comunque sottoscrivere un’azione legale che corra il minimo rischio di risultare una messinscena. Una preoccupazione in particolare è che i leader dei khmer rossi passati dalla parte del governo, come l’ex ministro degli esteri Ieng Sary,possano sfuggire alle incriminazioni”. Insomma, anche in Cambogia l’ideale della giustizia planetaria si scontra con prosaiche realtà.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.