Google+

Craxi, Mani Pulite e il giudizio di Re Salomone

novembre 24, 1999 Tempi

editoriale 44

Se Paolo Flores D’Arcais dice che una sentenza “è lurida” perché assolve un innocente che lui vorrebbe a ogni costo colpevole, se un Francesco Saverio Borrelli dice che “la morte di Craxi sarebbe un problema per Tangentopoli” perché il problema non è se Craxi crepa ma se crepa con un certo grido stonato in gola (e cioé “io non sono un ladro, la degenerazione fu di tutti i partiti, compreso il Pci, hanno colpito Dc e Psi per coprire un colpo di stato, fate una commissione di inchiesta su Tangentopoli e vedrete se i fatti non mi daranno ragione”), se un Tonino Di Pietro non ha altra merce da piazzare come politico se non quella delle querele e richiesta di passare all’incasso per chiunque lo critichi, se Caselli oltre alle querele si nutre di tanta buona stampa che vorrebbe esimerlo dalle responsabilità di un madornale errore giudiziario che avrebbe fatto dimettere qualunque altro magistrato, re Salomone ci insegna che la giustizia deve valutare attentamente fatti e testimonianze e guardarsi bene dall’accecamento ideologico e sentimentale. Una volta, racconta infatti la Bibbia, davanti a Re Salomone si presentarono due prostitute con due neonati, l’uno morto, l’altro vivo, ed entrambe rivendicavano quello vivo per sé. Ora, dato che non c’era modo di appurare la verità, il Re si fece portare una spada e ordinò che il figlio vivo venisse tagliato in due in modo che ne fosse data una metà all’una e una metà all’altra. Racconta la Bibbia che a quel punto la vera madre “si rivolse al re, poiché le sue viscere si erano commosse per il suo figlio, dicendo: ‘Signore, date a lei il bambino vivo, ma non uccidetelo!’. Mentre l’altra disse: ‘Non sia né mio né tuo, dividetelo in due!’.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ci sono biciclette che sono la Storia del Mountain Biking e la Stumpjumper rientra a pieno titolo fra queste. Nata nel 1981, è stata la Mtb che ha lanciato Specialized in orbita, quella che ha portato Ned Overend all’iride e quella che con il suo telaio in acciaio rosso, mi ha fatto sbavare sulle pagine dei cataloghi […]

L'articolo Specialized Stumpjumper 2018: Trail revolution proviene da RED Live.

Poco ingombrante e facile da aprire la nuova bici a pedalata assistita ha un’autonomia che raggiunge i 70 km. Costa 1.090 euro

L'articolo Askoll eBfolding, l’elettrica che si ripiega proviene da RED Live.

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.