Google+

Così insegnarono l’arte dei regimi e della natura

agosto 11, 2017 Sandro Fusina

In L’arte del totalitarismo Kolomstock dimostrò che nei regimi totalitari l’arte era la stessa. Franco Testa è famoso per i suoi fogli del calendario dell’Erbolario

uccello

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Igor Kolomstock. Nacque l’11 gennaio 1929. Il padre, ebreo karaita, finì in Siberia. La madre iscrisse Igor a scuola con il cognome da ragazza, poi partì con lui, per lavorare come medico in Kolyma, dove l’inverno dura sei mesi e la tundra e il permafrost nascondono ogni sorta di minerali.

A Mosca Igor studiò storia dell’arte. In un magazzino del museo Puškin di Mosca scoprì per caso una vecchia rivista dei tempi del patto con la Germania. Un quadro celebrava una famiglia contadina che ascoltava la radio, un soggetto perfetto di realismo sovietico: peccato che il ritratto alla parete invece di Stalin era di Hitler. Mostrò ad altri la rivista, perse il posto al museo.

Tuttavia pubblicò il primo libro sovietico su Picasso. Non ebbe noie. Con una multa se la cavò anche nel processo contro l’amico Andrey Sinyavsky. Approfittò della breve finestra concessa agli ebrei russi di emigrare in Israele versando una grossa somma.

Il critico inglese Penrose, riconoscente per il libro su Picasso, lo finanziò. A Londra Kolomstock poté finalmente pubblicare L’arte del totalitarismo, dimostrando con documenti russi, tedeschi, italiani e cinesi che nei regimi totalitari l’arte era la stessa, fondata su pochi elementi: famiglie felici e laboriose, combattenti eroici e capi benevoli e sorridenti. In una nuova edizione del 2011 aggiunse un capitolo sull’arte nell’Iraq di Saddam Hussein.

È morto il 12 luglio.

Franco Testa. Nacque a Novara il 10 agosto 1937. Da bambino fu assorbito dalla natura e dal disegno. Ospitò nella vasca di casa bisce d’acqua; frequentò l’accademia di Brera a Milano; dimostrò uno straordinario talento per l’espressione astratta; aprì uno studio grafico; pro bono collaborò con Umberto Eco per un aggiornamento del Lavater portatile, un manuale ottocentesco di fisiognomica.

La collaborazione alla nascita di Airone, rivista, insolita, dedicata alla natura, definì il senso del suo lavoro: documentare la bellezza degli esseri viventi, liberandoli di ogni incrostazione sentimentale.

Uomo di montagna e di mare, seppe mettersi in cordata, sulla scia dei grandi illustratori naturalistici, di cui la moglie Irvana era esperta. Il pubblico internazionale lo ammirò per le tavole che, anno dopo anno, illuminarono i fogli del calendario dell’Erbolario.

È morto il 9 agosto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.