Google+

Così il mercato immobiliare ha ripreso a crescere

maggio 19, 2017 Francesco Megna

Decisivo il contributo dei capitali esteri che raggiungono il nostro mercato con un’onda lunga che si protrarrà anche nel 2017

annuncio-immobiliare-vendesi-ansa

Due anni positivi per gli investimenti immobiliari. Negli ultimi 12 mesi il volume degli investimenti immobiliari in Italia ha superato i 9 miliardi di euro, con una crescita del 12 per cento rispetto all’anno prima. Di investimenti immobiliari a crescere ulteriormente. Il sentore della ripresa era già stato confermato nell’ultima parte dello scorso anno: con 3,8 miliardi di valore, gli investimenti immobiliari hanno registrato il miglior risultato trimestrale degli ultimi 10 anni, superando dell’80 per cento la media calcolata sull’ultimo quarto del periodo 2007-2016.

I capitali esteri hanno sicuramente dato una mano al settore: nel quarto trimestre 2016, infatti, il capitale straniero in Italia ha rappresentato il 56 per cento degli investimenti totali con una variazione positiva del 6 per cento. Il capitale domestico è comunque in crescita e ha rappresentato nel trimestre il 40 per cento circa del totale degli investimenti, contro un 25 del 2015. Anche le prospettive per l’anno in corso sono abbastanza rosee: il 42 per cento degli investitori immobiliari nazionali e internazionali è pronto infatti ad aumentare la quota di investimenti immobiliari in Italia.

Ad attrarre maggiore interesse sono i settori appartenenti all’high street (18 per ceto di preferenze), quello degli uffici (16 per cento contro un 40 del 2016) e dei centri commerciali (14 per cento, dato stabile nelle propensioni degli investitori). Nel quarto trimestre del 2016 il settore office ha registrato la quota maggiore di investimenti (43 per cento del totale), in crescita del 26 per cento sullo stesso periodo del 2015. Anche il settore retail continua la sua crescita ma è l’high street a raggiungere il risultato record. Tuttavia, i rendimenti prime e secondary di questo settore e di quello relativo agli uffici hanno registrato un’ulteriore contrazione con un divario più accentuato tra prime e non prime. Il 2016 è stato anche l’anno della logistica, grazie al sempre maggiore sviluppo dell’e-commerce.

Il mattone ha un suo peso nei portafogli delle famiglie italiane. Per l’esattezza il valore di questo asset è compreso tra il 40 e il 60 per cento ed è così da molti anni. D’altronde il settore immobiliare ha sempre avuto un forte ascendente nel paniere degli investimenti e quasi la metà dei risparmiatori vanta nel suo portafoglio almeno un asset immobiliare. Tuttavia qualcosa sta cambiando, perché se il mattone sino a ieri era considerato bene rifugio e investimento sicuro, oggi è invece percepito come asset rischioso, incapace di offrire una reale diversificazione. Il contesto economico-finanziario non aiuta: il sentiment negativo si è infatti riversato anche sul real estate, non immune dai rendimenti finanziari in calo e dai tassi zero. Nonostante si continui a credere che il valore di un immobile sia ancora redditizio nel lungo periodo, i clienti hanno scoperto che anche l’immobiliare può essere soggetto a variazioni di segno negativo e, a causa della tassazione, è diminuita la percentuale di chi è disposto a investire in immobili con scopo reddituale.

Ciò non toglie che le società di gestione continuino a puntare sui fondi immobiliari dove l’incidenza degli immobili prevale rispetto agli strumenti finanziari. Nel dettaglio l’incidenza degli asset immobiliari aumenta nei portafogli dei fondi misti (+18 per cento), maggiormente focalizzati verso le attività core, e dei fondi con scadenza a lungo termine (+9 per cento). Ma la quota di immobili è in crescita anche nei portafogli di fondi non quotati, di fondi riservati e di fondi a raccolta. All’aumentare degli asset immobiliari diminuisce la quota di investimenti in strumenti finanziari (-3,6 per cento) in particolar modo all’interno dei fondi in cui l’immobiliare cresce maggiormente. L’esposizione complessiva verso titoli di debito risulta invece in aumento del 4 per cento; un altro elemento da sottolineare è l’aumento nei portafogli dei fondi immobiliari della liquidità e dei depositi bancari. Il terziario direzionale è la destinazione d’uso prevalente degli asset immobiliari presenti nei portafogli dei fondi. Seguono i centri e parchi commerciali, le residenze sanitarie-assistenziali e gli hotel.

Francesco Megna, autore di questo articolo, è funzionario di banca, area Corporate

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi