Google+

Cosa c’è dietro i numeri Istat sul calo demografico in Italia

giugno 14, 2017 Francesca Parodi

Secondo l’Istat, nemmeno gli stranieri riescono a portare in positivo il saldo naturale tra nascite e decessi. Eppure la classe politica sembra non preoccuparsene

calo-demografico-ansa

Aumentano gli stranieri in Italia, ma questo non basta a fermare il calo demografico che il nostro paese sta vivendo da anni. Secondo il Rapporto demografico relativo al 2016 dell’Istat, la popolazione straniera aumenta di 20.875 unità (di cui soprattutto uomini), mentre quella italiana cala di 96.981 unità. Al 31 dicembre 2016 in Italia si contano 60.589.445 milioni di persone, di cui più di 5 milioni di cittadinanza straniera (circa l’8, 3 per cento, la maggior parte dei quali risiede nel centro-nord). Lo scorso anno sono state registrate 473.438 nascite e 615.261 decessi, dunque il saldo naturale è negativo per 141.823 unità.

MENO FIGLI. Non abbiamo superato il livello record di mortalità del 2015, ma nel 2016 il numero di decessi è in linea con il trend degli anni precedenti, dovuto all’invecchiamento della popolazione. Aumenta invece il calo delle nascite, un declino avviatosi nel 2008 con l’inizio della crisi economica. Secondo un’analisi fatta dalla rivista Limes, l’aumento delle disponibilità economiche che l’Europa ha vissuto a partire dal Novecento ha portato ad un incremento di consumi attraverso due fasi: inizialmente, «si è trattato di consumi elementari, come cibo, medicine ed energia, che hanno determinato la discesa della mortalità e l’allungamento della vita»; solo successivamente si è scelto di preferire la qualità alla quantità anche per quel che riguarda i figli, cosicché si è preferito avere meno figli, ma più istruiti e meglio curati e vestiti. È chiaro poi che il calo delle nascite si lega a diversi fenomeni, come la diminuzione della fertilità di coppia, del numero di donne in età riproduttiva e dei matrimoni. Le nascite oggi restano sotto il mezzo milione, ma sono gli stranieri a mantenere un saldo positivo, mentre per i residenti italiani il deficit è più marcato. Il saldo naturale della popolazione complessiva è negativo in tutte le regioni, con l’unica eccezione della provincia autonoma di Bolzano, dove le nascite sono maggiori dei decessi.

EMIGRATI E IMMIGRATI. Bisogna inoltre considerare i flussi migratori di cittadini italiani. È in lieve crescita rispetto al 2015 il tasso di italiani che rientrano nel nostro paese dopo un periodo di emigrazione all’estero (quasi 38 mila). Tuttavia ancora molti nostri connazionali si trasferiscono all’estero (nel 2016 sono partiti quasi 115 mila cittadini italiani), così come aumentano gli italiani nati all’estero (più di 23 mila nel 2015 e circa 27 mila nel 2016), ma si tratta prevalentemente di cittadini italiani di origine straniera che, dopo aver acquisito la cittadinanza, emigrano in una nazione terza o tornano al loro paese d’origine. Continua anche l’emigrazione storica, sia da parte di italiani sia da stranieri, dal sud al nord Italia.

PRIORITÀ NAZIONALE. Come rileva Limes, è interessante notare il salto dell’Italia nella graduatoria mondiale per numerosità di popolazione: nel 1950 si situava al decimo posto, mentre nel 2017 è arretrata fino al ventitreesimo. Eppure, scrive la rivista, la classe politica e l’opinione pubblica non sembrano voler dare le priorità a politiche sociali che supportino le giovani coppie e le famiglie e incentivino la crescita. Ma non sono sufficienti incentivi economici, servono anche mutamenti strutturali: servono politiche che favoriscano l’occupazione femminile, l’ingresso dei giovani nel mondo lavoro e la selezione di migranti con alte qualifiche e buone specializzazioni. «C’è necessità di prendere coscienza – sia pure tardivamente – del fatto che la questione demografica è una priorità nazionale, non una mera questione di contabilità di anime, ma un fondamento della coesione, della stabilità, del rinnovamento della società».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.