Google+

Contro il cancro il governo non spende

dicembre 15, 1999 Tempi

Il grafico della settimana

Alla Conferenza nazionale della Sanità di due settimane fa organizzata dal ministro Rosy Bindi al solo scopo di incensare la sua riforma accentratrice e incostituzionale, la questione non è stata nemmeno sfiorata. Certamente perché avrebbe clamorosamente contraddetto l’assunto bindiano secondo cui la salute, o è statale o non è. Eppure i numeri parlano chiaro: l’Italia esce totalmente perdente da un confronto con Stati Uniti ed Unione Europea per quanto riguarda il finanziamento pubblico della ricerca contro il cancro. Aveva sollevato la questione il quotidiano “Il Giorno” all’inizio del mese, mostrando come gli stanziamenti statali italiani per la ricerca anticancro siano, in proporzione al prodotto interno lordo (pil), la metà di quanto si stanzia mediamente nell’Unione Europea e meno della metà di quanto si stanzia negli Stati Uniti. Ora noi vogliamo un altro aspetto, che rappresenta un'”aggravante” della posizione italiana: l’incidenza della mortalità per cancro fra i maschi è in Italia sensibilmente più alta della media europea e di quella Usa, mentre la mortalità fra le femmine è in linea con quella media dell’Unione Europea e più bassa di quella statunitense.

La realtà è dunque questa: gli italiani, in particolare quelli maschi, muoiono mediamente più degli altri europei, ma lo Stato spende mediamente meno dell’Europa dei 15 per salvarli. Qualcuno potrebbe essere tentato di stabilire un legame causa ed effetto, e concludere che proprio perché l’impegno pubblico scarseggia il tasso di mortalità oncologico è tanto alto. La deduzione può essere prematuro, ma un fatto è accertato: “In Italia -ha scritto Giancarlo Calzolari- accade che persino le iniziative positive vengano penalizzate. In questi ultimi tempi le autorizzazioni per le nuove sperimentazioni non solo non vengono finanziate, ma addirittura non vengono accettate. La conseguenza è che la ricerca scientifica evita di entrare nel nostro paese e le sperimentazioni vengono dirottate verso altri lidi ben disposti nei confronti della ricerca clinica. Per questo i medici oncologi hanno chiesto durante il loro congresso scientifico che l’autorizzazione per la sperimentazione di nuovi farmaci, in prima utilizzazione sull’uomo, venga rilasciata entro due mesi dalla presentazione della documentazione. L’attuale centralizzazione delle autorizzazioni costituisce un grave ostacolo”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.