Google+

Nella città dove i cristiani furono costretti dall’Isis a firmare il «contratto di sottomissione»

aprile 4, 2016 Leone Grotti

Siria, l’esercito di Assad riconquista Al-Qaryatain. Si chiude così una delle vicende più dolorose ed emblematiche di questi cinque anni di guerra

Ieri l’esercito siriano di Bashar al-Assad ha liberato Al-Qaryatain, ponendo fine a una delle vicende più dolorose ed emblematiche di questi cinque anni di guerra. La città della Siria centrale era stata conquistata dallo Stato islamico il 5 agosto. I jihadisti avevano rapito 230 cristiani, oltre al sacerdote Jacques Mourad, sequestrato in precedenza, e demolito il 21 agosto il famoso monastero di Mar Elian.

CONQUISTA STRATEGICA. Al-Qaryatain si trova in una posizione strategica a 100 chilometri da Palmira, storica città riconquistata da Assad due settimane fa. Grazie all’aiuto delle milizie iraniane e Hezbollah, oltre ai raid aerei russi, l’esercito siriano ha ormai interrotto le linee di rifornimento dell’Isis all’interno della Siria.

CONTRATTO DI SOTTOMISSIONE. A settembre i terroristi avevano presentato ai cristiani quattro possibilità: convertirsi all’islam, pagare la tassa di sottomissione (jizya), lasciare la città o essere uccisi. Con dovizia di foto e filmati avevano poi mostrato i cristiani firmare un contratto di sottomissione (foto in alto), che impegnava al rispetto di 11 comandamenti: vietato costruire nuove chiese nel territorio dello Stato islamico o restaurare quelle già esistenti, vietato mostrare in pubblico la croce, vietato farsi vedere o sentire da musulmani durante le preghiere, vietato condurre riti cristiani pubblici o suonare le campane delle chiese, vietato fare qualunque cosa possa danneggiare o mettere in pericolo le credenze islamiche, compreso bere vino o mangiare carne di maiale in presenza di musulmani. Rispettare sempre l’islam.

siria-palmira-qaryatain

PADRE MOURAD. Padre Mourad, come si è scoperto dopo la sua fuga avvenuta il 10 ottobre, era stato portato a Raqqa, la capitale siriana del Califfato, e poi trasportato di nuovo in città, dove lo aspettavano gli altri rapiti. «I jihadisti ci insultavano spesso, ma il momento più difficile era quando ci intimavano: “O vi convertite all’islam o vi tagliamo la testa”», ha raccontato. Tornato ad Al-Qaryatain, celebrava la messa per i cristiani in locali sotterranei, «sia per non farci vedere mentre pregavamo, sia per ripararci dai bombardamenti». È stato aiutato a scappare dalla prigionia da un musulmano e da un altro sacerdote, in un momento in cui «la vita era divenuta impossibile: senza cibo, né acqua, né elettricità». A febbraio c’erano ancora circa 180 cristiani nelle mani dell’Isis, ma sembra che prima della battaglia tra jihadisti ed esercito siano riusciti tutti a rifugiarsi fuori città.

ISIS PERDE TERRENO. Il cessate il fuoco cominciato il 28 febbraio in Siria sta favorendo l’avanzata delle forze di Assad a danno dello Stato islamico. Isis e Al-Nusra, la fazione siriana di Al-Qaeda, non rientrano infatti tra le milizie che possono godere della tregua. L’esercito lealista, insieme agli alleati, libero di concentrarsi su teatri di guerra diversi dalle zone settentrionali occupate dai ribelli e altri gruppi jihadisti, si sta assicurando importanti territori nel centro del paese, infliggendo all’Isis quelle perdite che i raid aerei occidentali non sono mai riusciti a produrre.

Foto Palmira Ansa/Ap
Foto Al-Qaryatain Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Ferruccio says:

    Al-Qaryatain torna a vivere grazie a Dio.

  2. Menelik says:

    Buone notizie.
    Chiaramente, l’esercito di Obama non c’è.
    Le sue armi le stanno adoperando i daesh.
    Ma non gli serviranno, il loro destino è segnato.

  3. Sebastiano says:

    “…vietato costruire nuove chiese nel territorio dello Stato islamico o restaurare quelle già esistenti, vietato mostrare in pubblico la croce, vietato farsi vedere o sentire da musulmani durante le preghiere, vietato condurre riti cristiani pubblici o suonare le campane delle chiese, vietato fare qualunque cosa possa danneggiare o mettere in pericolo le credenze islamiche, compreso bere vino o mangiare carne di maiale in presenza di musulmani…”

    Più o meno le stesse regole che ci sono già da tempo in Arabia Saudita. L’Isis “che ce l’ha fatta”.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.