Google+

«Ci mettono alla gogna». Bagnasco contro la dittatura del pensiero unico europeo sulla vita

maggio 8, 2015 Redazione

Tosta intervista del cardinale dopo le parole di papa Francesco. «Ovunque, in tutta Europa, è minata la famiglia fondata sul matrimonio»

bagnasco-papa-francesco-ansa

Ieri papa Francesco ha pronunciato un importante discorso davanti ai membri del Comitato congiunto del Consiglio delle Conferenze episcopali cattoliche europee (Ccee) e della Conferenza delle Chiese europee (Cec). Il Pontefice ha richiamato tutti a porre attenzione alle «legislazioni che finiscono con l’impedire ai cittadini di esprimere liberamente le proprie convinzioni religiose».
L’agenzia Sir ha intervistato il cardinale e presidente della Conferenza episcopale italiana Angelo Bagnasco che, riprendendo le parole di Bergoglio, ha sottolineato il rischio che «l’Europa nel suo insieme non difenda abbastanza e fino in fondo la libertà religiosa ma agisca attraverso delle legislazioni che, fintamente tolleranti, poi diventano intolleranti verso la religione e, in particolare, la religione cristiana». E’ nel Vecchio Continente che si sta imponendo un tipo di società «dove tutto è possibile, tutto e il contrario di tutto. In un contesto così, la persona non è più libera ma diventerà sempre più schiava della propria solitudine, del proprio isolamento».

DITTATURA PENSIERO UNICO. Per Bagnasco esiste innanzitutto una “dittatura del pensiero unico” che «si esprime e si rivela nel cosiddetto “politicamente corretto”’. Per cui se uno dice o non dice determinate cose che invisibilmente sono codificate dal pensiero dominante, viene messo alla gogna. Questa è una forma di persecuzione. Bisogna essere liberi, assolutamente liberi, rispettosamente liberi da quelli che sono i luoghi comuni e poter quindi dire certe cose e non dirne altre con libertà e direi anche biblicamente con parresia, cioè con il desiderio di aiutare la costruzione di una umanità migliore. Si tratta di dire le verità che per noi cristiani hanno la loro radice fondamentale e la loro perfezione in Gesù Cristo, ma non per questo sono confessionali».

L’EUROPA CONTRO LA VITA. E tutto ciò avviene in particolar modo quando i cristiani parlano o difendono «i valori della vita. Pensiamo, per esempio, alle leggi sull’eutanasia nelle sue diverse forme. Pensiamo alle leggi sull’aborto che è discusso in sede europea come possibile diritto fondamentale e che verrebbe quindi ad annullare la possibilità dell’obiezione di coscienza. Sarebbe una cosa gravissima. Pensiamo ancora alla discussione in sede europea circa il cosiddetto aborto post-partum, che è un infanticidio. Pensiamo al disfacimento e all’indebolimento dell’istituto familiare. Ovunque, in tutta Europa, è minata la famiglia fondata sul matrimonio religioso – per i cristiani e i credenti – o civile, che è la prima scuola di civiltà, di socialità, grembo naturale della vita. Pensiamo all’utero in affitto che è una cosa aberrante perché si sfruttano donne che per necessità affittano il loro corpo. È una cosa indegna per una civiltà, assolutamente indegna che viene invece contrabbandata quasi come un atto di benevolenza e di carità. Bisogna dire tranquillamente che è un’ipocrisia. E oltre tutto, è una possibilità solo per i ricchi, perché soltanto i ricchi possono affittare a caro prezzo un povero corpo di una donna».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Cisco says:

    Parole chiare, ma non basta dirle una volta l’anno in una intervista. Occorre educare ovunque, dalle parrocchie ai movimenti alle scuole.

    • Menelik says:

      Esatto, Cisco.
      Dirlo una volta ogni tanto equivale a non dirlo affatto, almeno ci si risparmia la fatica.
      Pochi concetti, ma chiari, semplici, alla portata di tutti, e ripetuti all’infinito.
      Non stancarsi mai di ripeterli.

  2. Sunny says:

    Non sono d’accordo con quanto sostiene il Cardinale.

  3. giuliano says:

    parole al vento, caro Cardinale, e come mai vi spendete voi di Chiesa a sostegno dei movimenti di sinistra quando ci sono votazioni ?? le vostre parole, i vostri giornali e media appoggiano sempre PD, SEL, e altri meravigliosi compagni che se possono vi impiccano, e denigrate chi sta dall’altra parte, ad esempio persone come Berlusconi, che ha i suoi difetti ma vi ha sempre aiutati. Chi sta dalla parte del lupo, poi viene mangiato, e quindi non mi fate compassione, basta leggere Famiglia Cristiana per capire quanto è vero quello che dico.

  4. mery says:

    caro bagnasco, se l’arcivescovo di lucca non ritratterà quel suo cartello a favore dei rom, non firmerò la scelta dell’8 x 1000 .

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.