Google+

Capire la sentenza che condanna Formigoni, ma non i suoi funzionari

dicembre 22, 2016 Rachele Schirle

La tesi della Procura, che considerava illeciti tutti gli atti della Regione e Formigoni a capo di un’associazione a delinquere, non è stata accolta dai giudici

Non fatevi impressionare dai titoli dei siti e da quelli che leggerete domani sui quotidiani. Per chi, come noi, ha seguito la storia del processo a Roberto Formigoni per la vicenda Maugeri, la lettura dell’odierna sentenza di primo grado non è così unilaterale.

Formigoni è stato condannato per corruzione a 6 anni, Antonio Simone a 8 anni e 8 mesi e Piero Daccò a 9 anni e 2 mesi, gli ultimi due con l’aggiunta della associazione a delinquere. Assolti tutti i funzionari della Regione Lombardia (Nicola Sanese, Carlo Lucchina, Alessandra Massei) e l’amico di Formigoni, Alberto Perego.

Per chi ha seguito il processo passo dopo passo e non solo sui giornali, il primo dato evidente è che il castello delle accuse è crollato nelle sue parti più pesanti e coinvolgenti i cittadini lombardi, che nessun danno hanno ricevuto da atti regionali viziati a favore di qualcuno. Infatti, la tesi della Procura, che considerava illeciti tutti gli atti della Regione e Formigoni a capo di un’associazione a delinquere, non è stata accolta dai giudici.

Dunque la Regione Lombardia, retta da Formigoni per 18 anni e accusata di aver prodotto delibere illegittime per 15 anni, ha sempre operato nella legalità; sono stati infatti assolti tutti i funzionari apicali che predisponevano gli atti della giunta.

L’associazione non esisteva in Regione e nessuno ha fatto atti contrari ai doveri di ufficio a favore di qualcun altro, né Maugeri né San Raffaele; tutto è avvenuto secondo la legge.

Come e perché Formigoni possa poi essere corrotto, non avendo assunto delibere viziate né soldi, lo scopriremo leggendo le motivazioni alla sentenza che sono attese entro 90 giorni.

Da garantisti quali siamo fin dalla tenera età, aspetteremo le motivazioni e gli altri gradi di giudizio.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Marchio di fabbrica tanto quanto l’acciaio e i baffi di Tom, la grafica con i tre colori sfumati della bandiera americana ha segnato un’epoca, soprattutto nel mondo delle ruote grasse.  Era da tempo che i fan di Ritchey chiedevano di metterla di nuovo a catalogo e alla fine hanno raggiunto lo scopo, anche se in realtà […]

L'articolo Ritchey Road Logic Heritage, acciaio per pochi proviene da RED Live.

Spatola e pennello hanno sostituito casco e scarpini, ma non del tutto, perché ogni tanto Miguel Soro torna in sella, anche se con uno spirito ben diverso da quello con cui pedalava in gruppo. Lo stesso spirito che ispira le sue opere, una tecnica mista di pittura e collage che, nel caso di Bianchi, sfrutta […]

L'articolo L’arte a due ruote di Miguel Soro proviene da RED Live.

L’azienda di Mattighofen aggiunge la preziosa lettera "R" alla sua piccola sportiva, la RC 390, che diventa KTM RC 390 R. Ben più concentrata della standard nella guida sportiva, non costa poco ed è anche la base per…

L'articolo KTM RC 390 R, la piccola peste proviene da RED Live.

La multispazio PSA è disponibile per la prima volta in due diverse lunghezze, a 5 e 7 posti. Forte di una praticità che si annuncia a prova di famiglia (extralarge). E una tecnologia da berlina. Ecco tutte le informazioni ufficiali

L'articolo Citroën Berlingo, la terza generazione a Ginevra proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi