Google+

Capire la sentenza che condanna Formigoni, ma non i suoi funzionari

dicembre 22, 2016 Rachele Schirle

La tesi della Procura, che considerava illeciti tutti gli atti della Regione e Formigoni a capo di un’associazione a delinquere, non è stata accolta dai giudici

Non fatevi impressionare dai titoli dei siti e da quelli che leggerete domani sui quotidiani. Per chi, come noi, ha seguito la storia del processo a Roberto Formigoni per la vicenda Maugeri, la lettura dell’odierna sentenza di primo grado non è così unilaterale.

Formigoni è stato condannato per corruzione a 6 anni, Antonio Simone a 8 anni e 8 mesi e Piero Daccò a 9 anni e 2 mesi, gli ultimi due con l’aggiunta della associazione a delinquere. Assolti tutti i funzionari della Regione Lombardia (Nicola Sanese, Carlo Lucchina, Alessandra Massei) e l’amico di Formigoni, Alberto Perego.

Per chi ha seguito il processo passo dopo passo e non solo sui giornali, il primo dato evidente è che il castello delle accuse è crollato nelle sue parti più pesanti e coinvolgenti i cittadini lombardi, che nessun danno hanno ricevuto da atti regionali viziati a favore di qualcuno. Infatti, la tesi della Procura, che considerava illeciti tutti gli atti della Regione e Formigoni a capo di un’associazione a delinquere, non è stata accolta dai giudici.

Dunque la Regione Lombardia, retta da Formigoni per 18 anni e accusata di aver prodotto delibere illegittime per 15 anni, ha sempre operato nella legalità; sono stati infatti assolti tutti i funzionari apicali che predisponevano gli atti della giunta.

L’associazione non esisteva in Regione e nessuno ha fatto atti contrari ai doveri di ufficio a favore di qualcun altro, né Maugeri né San Raffaele; tutto è avvenuto secondo la legge.

Come e perché Formigoni possa poi essere corrotto, non avendo assunto delibere viziate né soldi, lo scopriremo leggendo le motivazioni alla sentenza che sono attese entro 90 giorni.

Da garantisti quali siamo fin dalla tenera età, aspetteremo le motivazioni e gli altri gradi di giudizio.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.