Tanti auguri a tutti (soprattutto ai miei compagni di Sla)

Cari amici, ancora non abbiamo risolto i nostri problemi di famiglia, mia mamma è appena uscita dall’ospedale e la preoccupazione non è da poco finché non si riprende.

Questi giorni con i vostri messaggi mi siete stati vicini per superare questo brutto momento e l’ho apprezzato molto, perché gli amici si vedono proprio nel momento del bisogno. Voi avete fatto proprio questo! Mi siete stati vicini quando io ne avevo bisogno e vi ringrazio e vi abbraccio virtualmente tutti dal profondo del mio cuore.

Adesso vorrei farvi i miei migliori auguri di buon Natale anche se in ritardo e che il 2013 sia migliore di quest’anno che sta finendo! E’ iniziato con la tragedia della Concordia e ha continuato con la perdita del lavoro di tante persone che sono alla disperazione. Proprio ieri parlavo col mio amico don Gaetano e mi diceva che troppe persone si stanno rivolgendo alle mense della Caritas o a chi si prodiga in queste associazioni benefiche, e quante persone prendono i pacchi col cibo e sperano ogni giorno in cuor loro di poterne fare a meno! Forse se ognuno di noi rinunciasse a qualcosa si potrebbero aiutare tante persone.

Voglio esortare i miei “compagni di Sla” a non fare piu lo sciopero della fame perché non possono morire per questa battaglia, anche se la nostra è una battaglia giusta perché bisogna tutelare i diritti di tutti i malati ma credo che uccidersi con le proprie mani sia assurdo perché è quello che vogliono i signori a cui facciamo scomodo! Credo che rivolgersi al Consiglio europeo sarebbe piu utile e si risparmierebbe la vita di tutti i malati di Sla che stanno combattendo per i diritti di tutti.

Sono successe altre cose brutte quest’anno, tipo i nostri militari caduti in missione di pace (che tanto pace a me non sembra). Finalmente sono tornati a casa i nostri marò, prigionieri per troppo tempo e spero che non ritornino più nella loro prigione!

Troppe sono le cose brutte capitate in questo anno come la situazione dell’Italia in campo economico e adesso tutti seguiamo l’andamento dello spread che fino a poco piu di un anno fa avremmo pensato se era il nome di un detersivo o di una nuova bibita! Adesso sappiamo tutti cosa è lo spread e speriamo sia favorevole perchè l’Italia risalga dal baratro!

Ma non voglio continuare a deprimervi, vi voglio augurare un 2013 ricco di salute, serenità, e ogni cosa che tutti voi desiderate.

Io spero che porti a tutti i malati una cura adeguata, e la serenità dell’accettazione della malattia perché solo così si riesce a combattere con energia.

Quest’anno ho incontrato tanti amici grazie a tempi.it, e ringrazio Emanuele Boffi e Luigi Amicone che me lo hanno permesso. Ho incontrato persone splendide che mi hanno arricchito e che ringrazio di avermi e averci teso la loro mano. Grazie di tutto e spero che continuiate a seguire le mie esperienze che sono le esperienze di tanti malati che chiedono dignità!

BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO

Bacioni

Susanna

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •