State programmando un viaggetto a Napoli all’insegna del gusto? Allora prima dovete passare di qui

Vedi Napoli e poi muori. Ma non di fame. Se si tratta di tirare in ballo una gastronomia che ha avuto fortuna nel mondo, sicuramente parliamo di quella napoletana. Bastino due nomi: pizza, pasta. In tutto il mondo sanno cosa sono. E in tutto il mondo è possibile mangiarle. Così, su tutto il globo oggi il nome di Napoli in qualche modo riecheggia.

E questo, Maurizio Cortese, partenopeo goloso, una vita nel terziario, lo sa bene. Ma è tutto bello come sembra? Maurizio, cresciuto fin da bambino nelle cucine del mitico ristorante Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui due Golfi (Napoli), è realista: «L’assoluta mancanza di strutture adeguate, un disinteresse atavico delle istituzioni verso quella che potrebbe essere la prima fonte di reddito cittadina, hanno fatto sì che i turisti la vivessero più come meta di passaggio, per le isole, per la costiera, per gli scavi di Ercolano e Pompei, anziché dedicarle tutta l’attenzione che meriterebbe». A pensarci bene, è verissimo. Ma voi vi chiederete: come mai l’opinione di Cortese ci interessa? Semplice: Maurizio non è uno di quei napulitani “chiagni e fotti”, che si lamentano soltanto. Ha rimproverato alla sua città una mancanza, ma in queste settimane si è dato da fare, provando a rattopparla. In sintesi, ha creato Cortese Way: un progetto di consulenza gastronomica per viaggiatori e curiosi.

Come funziona? Se avete voglia di impiattare un viaggetto napulitano all’insegna del gusto, mandate un piccione viaggiatore a Maurizio: saprà indirizzarvi nei luoghi più riassuntivi delle meraviglie golose campane. Volete la sublimazione della pizza? Pronti: Maurizio vi accompagnerà nei santuari del forno e dell’arte bianca. Cucina campana popolare o di lusso? Ecco una serie di ristoranti consigliati, tutti per voi. E per il bere? Nessun problema: le visite ai vigneti e alle cantine sono un’opzione praticabilissima. Se non foste interessati soltanto all’aspetto mangereccio, potrete comunque matrimoniarlo alla visita dei più bei siti archeologici e paesaggistici del comprensorio partenopeo.

E c’è di più. Gli incontentabili potranno iscriversi a una scuola di cucina. La moglie di Maurizio, la bellissima Cristina Lontananza, secondo alcuni fa uno degli ultimi veri, grandi, buoni ragù alla napoletana. Sarà lei a darvi le lezioni, assieme ad Angelina Ceriello, amorevole matriarca dell’Osteria E’ Curti, di Sant’Anastasia (Napoli).

La carne al fuoco è tanta, in tutti i sensi. Se interessati, vi converrà dunque dare una sbirciata al sito web, www.corteseway.it, scrivendo magari direttamente a Maurizio, all’indirizzo email [email protected]. Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…

@farinatommaso

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist