Google+

Spettacolo: habemus legem!

novembre 9, 2017 Nicole Jallin

teatro-shutterstock_740505241

Non importa quanto si aspetta, ma chi si aspetta, rispondeva Tony Curtis in A qualcuno piace caldo. Vero, se riguarda Marilyn Monroe; un po’ meno, se riguarda una legge per disciplinare il settore dello spettacolo dal vivo che si attende da oltre mezzo secolo (settantuno anni, per la precisione). Fatto sta che ora – finalmente – l’attesa è finita e dopo l’approvazione in Senato dello scorso settembre, il nuovo Codice dello Spettacolo ha ottenuto il definitivo consenso alla Camera con 265 voti favorevoli e 13 contrari, con successiva soddisfazione espressa dal ministro dei beni culturali Dario Franceschini che twitta: «Dopo il cinema è legge anche la riforma dello spettacolo dal vivo. 19 milioni in più ogni anno, estensione ArtBonus, tax credit musica, superamento degli animali nei circhi, aiuto a tutti i nuovi settori, dalle rievocazioni storiche alla canzone d’autore».

Scorrendo il testo si notano più pregi che difetti, questi ultimi, sottolineati da C.Re.S.Co (Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea), vanno più che altro rintracciati nell’aver affiancato carnevali e rievocazioni storiche alle attività dello spettacolo dal vivo, o le attività amatoriali a quelle professionali, o ancora l’aumento di fondi vociferato intorno ai 100 milioni di euro all’anno, e che invece sarà dotato di 9,5 milioni per il biennio 2018-2019, e 22,5 milioni per il 2020; per l’anno in corso la consistenza del Fus (Fondo Unico per lo Spettacolo) ammonta a circa 334 milioni.

Tra i diversi aspetti positivi della legge ci sono il sostegno della ricerca e della sperimentazione, delle pluralità espressive, dell’investimento su produzioni nostrane, su giovani realtà artistiche e su giovani spettatori, con l’incentivo a stabilire relazioni con scuole di ogni ordine e grado, e l’investimento a tal proposito di almeno il 3 per cento del Fus per promuovere programmi educativi legati allo spettacolo. Si punta all’aumento della domanda-offerta e al riequilibrio territoriale tra Nord e Sud, all’investimento sui processi di internazionalizzazione attraverso collaborazioni e coproduzioni, alla semplificazione del meccanismo burocratico relativo alla diffusione pubblica dello spettacolo, all’attivazione di piani di ristrutturazione e aggiornamento di spazi e strutture destinati allo spettacolo, al superamento dell’utilizzo di animali nelle attività circensi e degli spettacoli viaggianti, e – tema non poco sensibile – si parla del riordino e dell’introduzione di norme che regolino il rapporto di lavoro nel settore.

E oltre all’istituzione del Consiglio superiore dello spettacolo quale organo consultivo, si punta soprattutto alla revisione dei criteri di ripartizione del Fus tra fondazioni lirico-sinfoniche e gli altri comparti dello spettacolo, al consolidamento del tax credit musica, all’estensione dell’Art Bonus anche ai teatri nazionali, ai Tric (teatri di rilevante interesse culturale), ai festival, ai centri di produzione teatrale e di danza, ai circuiti di distribuzione e alle orchestre, che potranno usufruire del credito d’imposta del 65 per cento per incentivare le erogazioni liberali, finora riservato ai teatri di tradizione e alle fondazioni lirico-sinfoniche. Positivo anche lo stanziamento di 4 milioni per le attività culturali nei territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, devastati dal terremoto del 2016.

Adesso tocca al governo, che avrà un anno di tempo per adottare uno o più decreti legislativi che formeranno questo tanto agognato Codice dello Spettacolo.

Foto teatro da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.