Severgnini cade sciando per colpa di due snowboarder berlusconiani

PREMIO CHISSENEFREGA
Sono reduce da una settimana in Alta Val Badia: puntate al Falzarego/Cinque Torri e in Val Gardena, più canonico Sella Ronda.
Beppe Severgnini racconta le sue vacanze sugli sci, Corriere della Sera

AH, IL DURO LAVORO!
Un giorno coperto, due di neve, quattro di sole ruggente: quello che occorre per prepararsi psicologicamente allo spettacolo della campagna elettorale.
Beppe Severgnini aggiunge un pizzico di attualità al racconto della sua settimana bianca

AH, LE SFIDE DELLA VITA!
Una vacanza magnifica, rilassante, confortante (so ancora sciare!).
Beppe Severgnini spreca aggettivi

IL SOGNO DI OGNI ITALIANO
Il primo giorno, sulla pista Santa Croce, un cretinetti snowboardizzato è arrivato da dietro e mi ha steso.
Beppe Severgnini passa alle vere notizie

LA PROSSIMA VOLTA, PIÙ PRECISIONE
L’ultimo giorno, sul Piz Seteur, un deficiente senza casco provava la discesa libera (!) tra la gente (!!). E per poco non mi tagliava a metà.
Beppe Severgnini lascia i lettori senza fiato: l’ha scampata bella

DANNATI SNOWBOARDER BERLUSCONIANI
«Cerchiamo d’essere tutti più attenti!», hanno esclamato i due campioni, quando sono stati raggiunti. È la versione sportiva del «tutti colpevoli nessun colpevole» caro a certa politica.
Beppe Severgnini trae verità universali dalla vita vissuta

BEPPE BRONSON
Le cose non stanno così. Loro sono i colpevoli; noi siamo – potremmo diventare – le vittime. Fermarsi e discutere non serve. Lo rifaranno, glielo leggi negli occhi.
Beppe Severgnini affronta a muso duro i pirati degli sci

O IN ALTERNATIVA L’ABBONAMENTO A SKI
È questa l’unica strada: intervento immediato, ritiro dello skypass.
Beppe Severgnini invoca (con refuso) la tolleranza zero contro i pirati degli sci