Qui si viene per i ravioli cinesi, ma quelli veri

lon-fon-milano-foto-tommaso-farina-1

Pubblichiamo la rubrica di Tommaso Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Quando si diventa pratici di cibo cinese, anzi cantonese, si impara a riconoscere i ristoranti che lavorano bene e quelli che cucinano a spanne. La spia? I ravioli, quelli al vapore del cosiddetto “dim sum”, un vero e proprio rito dell’Oriente. I ristoranti che si servono di ravioli al vapore congelati e presi all’ingrosso li beccate subito: i medesimi ravioli sono grossi, cascanti, poco invitanti, col ripieno che sgronda gocce di liquido scuro e un sapore pesante e sgarbato.

Per andare da chi li prepara veramente in proprio, fate un salto da Lon Fon, a Milano: vi ci abbiamo guidato nel lontano 2011, ma in realtà l’abbiamo fatta da furbi, perché ci siamo stati molte altre volte.

Alla guida, sempre la soave Rita, hongkonghese trapiantata a Milano da secoli, con le sue figliole. Tra loro, Pui, in sala, sta per diventare mamma: auguri.

A tavola, in un ambiente senza fronzoli ma moderno e riposante, il meglio della cucina cantonese, con in più qualche piatto pechinese, di Sichuan e di altre parti della Cina. Qui si viene per i ravioli: di carne, di gamberi, di granchio (Ha Kau, si chiamano), al vapore, alla piastra, ai quattro colori. Tutti magnifici. Una menzione per i “ravioli speciali all’acqua”, ripieni di carne ed erbe, e bagnati (poco) con il brodo: davvero imperdibili. Ma è buono anche il crostino ai gamberi, nonché l’abusato involtino primavera.

lon-fon-milano-foto-tommaso-farina-2Poi, tutta una serie di zuppe e di piatti come il galletto croccante piccante e il manzo piccante alla maniera di Sichuan (fritto due volte con la cosiddetta “frittura asciutta”, poi condito con verdure e col peperoncino che nel Sichuan non manca mai, anche se qui è dosato con meno generosità), la pancetta di maiale brasata, l’eccellente anitra alla pechinese.

Per chiudere, frutta fritta o dolce di soia. Potreste pure bere qualche buon vino, la scelta non è inesistente.

Il conto? Ai cinesi dipende da quanto si mangia. Per 5-6 piatti calcolate circa 40 euro. Siamo ancora ad alti livelli.

Per informazioni
Lon Fon
Via Lazzaretto, 10 – Milano
Tel. 0229405153
Chiuso mercoledì


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •