Più che agli attori porno, il preservativo andrebbe messo a certi giornali

A Los Angeles, il prossimo 6 novembre, si terrà un referendum per stabilire se gli attori dei film porno debbano essere, o meno, obbligati ad indossare il preservativo durante le riprese.

Che in una parte del mondo ci si occupi di questi problemi mentre nel resto del pianeta si combatte contro la crisi, lo spread, la fame e l’ingiustizia è un buon segno. Significa che lì ci si è già lasciati alle spalle tutte queste brutture e si guarda al futuro con ottimismo. La ripresa, almeno in California, è già iniziata.

Per velocizzare il processo anche da noi si potrebbe promuovere un referendum per obbligare certi giornaletti e certi giornaloni a mettere il preservativo ogni volta che cerchino di schizzare fango contro la scuola paritaria, la sanità lombarda, e tutte quelle reali esperienze di sussidiarietà che rappresentano un modello e una speranza per il nostro paese.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •