Piatti (e conto) montanari

sassella-jim-grosio

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – In alta Valtellina, la località di villeggiatura prediletta è senz’altro Bormio. E andandoci, i nostalgici ci si troveranno bene. Sembra di essere a Milano: per parcheggiare paghi 1.30 euro all’ora; al bar, una lattina di bibita costa 3 euro. A pranzo, scordatevi di poter mangiare nei ristoranti migliori: aprono solo la sera. E allora, fate come noi: andate a una mezz’oretta dalla città, e rifugiatevi tra le braccia di Jim. Jim sarebbe Giacomo Pini, il patron del ristorante Sassella da Jim, a Grosio (Sondrio), una ventina di chilometri più in basso. Qui si mangia valtellinese senza compromessi, ma anche molti piatti di genere montanaro, secondo la fantasia dello chef. In sala, con Jim, anche il simpatico Giuseppe Caspani, suo genero, grande intenditore di vini che vi esporrà una cantina ricca, ma soprattutto servita con i dovuti accorgimenti.

sassella-jim-grosio-01

Per iniziare, dopo l’assaggio di burro aromatizzato all’aglio ursino e al ginepro, c’è un assortimento di bresaole di vari produttori; ma è pure ricca di colpo d’occhio la tartara affumicata al tavolo su tagliata di porcini. E non parliamo dei tradizionali sciatt (frittelle di grano saraceno e formaggio), perfettamente filologici oltre che ghiotti.

I pizzoccheri, di primo, vi verranno serviti con un barattolino di “pestéda”, una mistura di piante montanare e spezie tipica di Grosio; però potreste aver voglia di provare il risotto mantecato al formaggio scimudin e foie gras, o magari i ravioli di spinaci con uovo di quaglia su crema di Parmigiano e tartufo estivo.

Tra i secondi piatti, altamente originale è la scottata di capriolo con olio aromatizzato al pino mugo, timballetto di porcini e polenta; è di tradizione il bastone di carne allo spiedo; date anche una chance al carré di agnello al profumo di fieno, o alla costata di cervo in infusione di vino Sforzato.

Si chiude coi formaggi o con la crema di latte ai fiori di montagna e Braulio. Ci sono vari menù guidati, tra cui uno ipocalorico e uno per celiaci.

Quanto si spende? Con quattro piatti, massimo 40 euro.

Per informazioni
Sassella da Jim
presso Hotel Sassella
Via Roma, 2
Grosio (Sondrio)
Tel. 0342847272
Sempre aperto