Per chi sta crescendo… in cerca del vento

A sfogliarne le ampie pagine, appena acquerellate con delicatissimi colori pastello, si ha l’impressione che questo albo, In cerca del Vento edito da Donzelli, illustri paesaggi urbani europei e che vi sottenda una sensibilità nordica. La giovanissima autrice, Lindsey Yankey, invece, è americana, del Kansas.

In cerca del Vento è uno dei volumi più commoventi che abbiamo portato via dalla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna. Il tratto della Yankey ci piace molto. Qualcuno lo potrà trovare algido, ma io credo che abbassare i toni quando si parla con i bambini a volte sia opportuno e bello. Picasso scrisse una volta che «qualsiasi manufatto è un opera d’arte se si vede la fatica dell’artista» e le tavole di questa giovanissima americana raccontano un lavoro progettuale non improvvisato, l’utilizzo di tecniche realizzative diverse, sovrapposte con perizia in tempi successivi, e una mano davvero felice nel tracciare dettagli di umanità su volti appena abbozzati o nella scene di strada. Elementi che contribuiscono a creare un’atmosfera onirica e narrativa al tempo stesso, come piace ai più piccoli. Ideale per lettura animata, individuale o di gruppo.

La storia di questo uccellino blu, inoltre, nella sua linearità, è di quelle che sembra siano nate da sé, quasi scontata. Racconta una dinamica di crescita semplicissima e vera, nella quale i bambini vengono risucchiati, perché c’è dentro tutto il loro desiderio di spiccare il volo e di farlo in autonomia, ma sentendosi le spalle protette. Ed è bella la figura di un educatore che c’è anche se non si vede, perché sa che ad un certo punto il suo compito consiste nel nascondersi e lasciarsi seguire da lontano, affinché il “figlio” prenda coscienza di sé. Senza fargli mancare però una carezza finale…

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •