Il Papa rivoluzionario non cambia solo la curia. Cambia i cristiani

La formazione politica delle scuole dove abbiamo studiato ha come modello la rivoluzione francese: “tutto e subito” preso con la forza, con le conseguenze che conosciamo.

Il Papa è un rivoluzionario che segue un’altra via. Benedetto la indicò parlando a Parigi con gli intellettuali francesi: la grande civiltà europea nacque grazie al lavoro dei monaci medievali che non intendevano fare politica ma cercavano Dio nella preghiera e nel lavoro. Così si costruisce veramente.

La grande preghiera di Papa Francesco a Cagliari è in questa direzione: «Signore, ci manca il lavoro, gli idoli vogliono rubarci la dignità, i sistemi ingiusti vogliono rubarci la speranza. Signore, non lasciarci soli. Aiutaci ad aiutarci fra noi perché dimentichiamo un po’ l’egoismo e sentiamo nel cuore il “noi”, noi popolo che vuole andare avanti. Signore Gesù cui non mancò il lavoro, dacci il lavoro e insegnaci a lottare per il lavoro, e benedici tutti noi».

Preghiera potente che richiama l’atteggiamento di Pio XII con le braccia verso il cielo dopo il bombardamento di Roma. Papa Francesco è il rivoluzionario vero che vede nel volto di ognuno, anche dei più derelitti, il volto di Gesù. Il Papa ci trasmette la sana inquietudine che ci spinge a pregare con impegno (la preghiera è la forza trainante della storia) e a non accontentarci di quanto facciamo per gli altri. Papa Francesco non sta cambiando solo la curia romana, come piace ai giornali, sta cambiando i cristiani. Sta mettendo Gesù nei nostri cuori.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •