Orti e giardini nel cuore di Roma

Chissà come dovevano apparire i giardini della Roma dell’età imperiale. Forse non erano tanto dissimili da quelli ricreati in certi set cinematografici, con i ninfei inondati da fiori bianchi e azzurri, piccoli o grandi paradisi naturali curati in ogni dettaglio, dove le nuove piante importate dalle Americhe si mischiavano a quelle che arrivavano dall’Oriente e dal Sudafrica, costituendo l’erbario della flora ornamentale italiana. Una passeggiata da sogno che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma, consente di rivivere grazie alla mostra Orti e giardini. Il cuore di Roma antica appena inaugurata al Palatino.

Otto le tappe da percorrere tra rose, cotogne, pervinche, petunie alla scoperta del trionfo del passato. Dal peristilio della casa di Augusto ai giardini Boni di fine ‘800, di cui sono state ripristinate le siepi di bosso e il roseto, dal giardino di rose antiche negli Orti Farnesiani alle essenze del Vivaio Farnesiano, dalle petunie e il plumbago nei ninfei della Domus Augustana. Aperta al pubblico per questa occasione la Casina Farnese, che accoglie al suo interno una curatissima esposizione di stampe antiche da poter ammirare fino al prossimo 14 ottobre.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •