Nuotare tra i cristalli di Stefano Curto

Sembra quasi di fluttuare intorno a un pianeta di cristalli quando si guardano le opere di Stefano Curto, protagonista di Renovatio Splendor presso la Bugno Art Gallery di Venezia. E proprio come ricorda il curatore Stefano Cecchetto, <<i cristalli impenetrabili che l’artista utilizza per realizzare i suoi lavori sono pietre preziose che rivelano i bagliori dell’infinito, gemme incastonate nello spazio del suo universo interiore>>. Un universo che ci lascia abbagliati, stupiti di fronte qualcosa ti tremendamente materiale, ma straordinariamente bello.

Tra la opere presenti la nuova creazione, dal titolo Amniotic Stardust, la più intrigante e completa nata dopo due anni di intenso impegno. Accanto a questa Evolution Involution e Emphasis, due creazioni dal forte valore simbolico che attraverso i cristalli, come al solito, descrivono in una vorticosa spirale il ritmo meraviglioso dei colori sgargianti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •