Mostra – Realtà e artificio, inclusione ed esclusione nelle opere di Gioacchino Pontrelli

Pontrelli, Senza titolo, 2013Ne avevamo parlato un po’ di tempo fa di Gioacchino Pontrelli, quando è stato protagonista della mostra intitolata Comportamento Emergente presso la Galleria OltreDimore di Bologna. Adesso la sua pittura, volta ad alterare e trasformare quelle immagini standardizzate a cui la contemporaneità ci ha abituati, è protagonista della galleria Tornabuoni Arte Contemporary Art di Firenze, che ha appena inaugurato una retrospettiva monografica intitolata a suo nome, che resterà aperta fino al 29 marzo 2015. In mostra circa trenta opere, tra quadri e dittici realizzati usando alternativamente colori tradizionali, pitture industriali o pigmenti. Ogni singolo quadro suscita una certa curiosità che spinge ad una indagine visiva più approfondita.

<<Sospesa tra figurazione e astrazione, tra un iperrealismo visionario, a tratti ansiogeno, e una gestualità spontanea, eppure consapevole e calibrata – scrive il critico e curatore Federico Mazzoleni in un testo sull’artista dal titolo Specchi – l’opera di Pontrelli si pone all’insegna di un’immagine sdoppiante, attraverso la quale gli elementi presenti all’interno del quadro si trovano in un rapporto che è insieme dialettico e di frattura rispetto al contesto reale nel quale vengono immessi>>. Sono, dunque, opere che mettono insieme la realtà e l’artificialità, che sembrano alternare l’accoglienza e l’esclusione del pubblico dai luoghi rappresentati, che ci presentano vedute, paesaggi o stanze, immobili, ma allo stesso tempo caratterizzate da forme in divenire.

@ARTempi_

 

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist