Mostra – A Chantilly una mostra sul Beato Angelico, Botticelli e Lippi

Triptych of the Coronation of the Virgin (oil on panel)Firenze, Siena, Quattrocento: i pittori primitivi italiani sono in pieno attivismo. Guido di Pietro (ovvero il Beato Angelico), Sandro Botticelli, Filippino Lippi e Piero di Cosimo pongono le basi, ancora embrionali, di quel Rinascimento tutto italiano che sboccerà meno di un secolo dopo. E lo fanno spinti dal desiderio di creare una forma moderna di arte sacra, meno immobile e austera e più vicina alla gente comune che, nelle chiese, si accostava ad ammirarla. Il loro passaggio nella storia dell’arte è fondamentale e indimenticabile: mentre il Beato Angelico rifiuta il corposo plasticismo di Masaccio a favore di una bellezza ideale di uomini e cose non intaccati dal male, Filippino Lippi e Piero di Cosimo sposano il colore caldo e il realismo di stile fiammingo. E Botticelli ci inebria con molto altro ancora, a cominciare da una mano dalla fluida solidità.

VISUEL 1Ed ecco che i nostri antichi dipintori made in Italy verranno ben presto celebrati in Francia, grazie alla mostra Fra Angelico, Botticelli…Rediscovered Masterpieces, che aprirà i battenti il prossimo 8 settembre presso la hall del Jeu de Paume di Chantilly. Molte opere fanno parte dell’eredità del Duca D’Aumale, mentre altre vengono prestate dai musei di Anversa, Cherbourg, Philadelphia e da collezioni private. Aperta fino al 4 gennaio 2015, la retrospettiva presenterà, oltre a tradizionali dipinti su tela o tavola, anche due cassoni di Filippino Lippi e di Sandro Botticelli illustranti le Scene dalla vita di Ester.

@ARTempi_

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist