Lo Spirito Santo, il grande regista che ispira e governa la Chiesa

spirito-santo

Mi piace come nella Sacra Scrittura si parla dello Spirito Santo: al momento della creazione aleggia sulle acque ed è il protagonista dell’Annunciazione. Lo Spirito Santo dà vita e imprime una svolta nella vita degli uomini. Gli Atti degli Apostoli sono imbevuti di Spirito Santo. «È parso bene allo Spirito Santo e a noi» (Atti 15,13) viene scritto dopo il primo concilio, quando si doveva decidere la linea di condotta con i pagani convertiti. Lo Spirito Santo fa intendere chiaramente a san Paolo dove non deve andare e dove deve fermarsi. È il grande regista che governa la nascita della Chiesa secondo la promessa di Gesù.

Maria è la sposa dello Spirito Santo e lo porta con sé facendo sobbalzare Giovanni Battista nel seno di Elisabetta che a sua volta è ispirata dicendo: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno» (Lc 1,42). Maria c’insegna ad ascoltare la Sua voce meditando nel proprio cuore gli avvenimenti e lo Spirito Santo prorompe in modo infuocato mentre gli Apostoli sono con Maria.
Sappiamo che lo Spirito Santo non è una divinità a sé ma è una persona divina in relazione con il Padre e il Figlio. Ha un ruolo proprio. È il dolce ospite dell’anima, colui che posso ascoltare nel momento della preghiera silenziosa e nel ringraziamento dopo la Comunione. Quanti errori avrei evitato ascoltando meglio lo Spirito Santo e quanto lo devo ringraziare per il percorso della mia vita.
La prossima festa di Pentecoste è il momento di meditare queste cose assieme a Maria, il grande scrigno dello Spirito Santo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •