L’arte di Gabriella Crespi in mostra a Palazzo Reale

Sarà ospitata a Palazzo Reale di Milano dal prossimo 24 settembre la mostra Gabriella Crespi - Il Segno e lo Spirito. Un omaggio a un'artista versatile, nota designer di mobili e gioielli, alla continua ricerca di nuove forme d'arte da sperimentare

 «Benché le scuole costituiscano una parte importante nella formazione di qualsiasi percorso creativo, il primo ed essenziale principio è innato nell’artista e, come scrive uno dei maggiori critici d’arte dell’epoca Sung, Kuo Jo-Hsu: Esso cresce nel silenzio dell’anima». Questa è la filosofia di Gabriella Crespi, artista, designer, scultrice, ma anche musa ispiratrice dei maggiori fashion designer internazionali e ambasciatrice dell’italian style nel mondo a cui è dedicata la mostra Il Segno e lo Spirito, ideata da Ottavia Landi di Chiavenna, a cura di Cesare Cunaccia e Elisabetta Crespi e avente come unico sponsor la Mediolanum Farmaceutici, aperta dal 24 settembre al palazzo Reale di Milano. L’evento, realizzato nella città dove Gabriella è nata e vissuta, vuole essere un prezioso riconoscimento a una protagonista della creatività made in Italy e si articola in un racconto coerente che percorre i vari ambiti verso cui l’artista ha indirizzato la propria creatività: dai mobili agli oggetti (notevole la sua produzione di mobili metamorfici intitolata Plurimi in omaggio a Emilio Vedova costituita da volumetrie giocate sulle possibilità evolutive di una medesima forma, le sculture come le piccole “lune” di acciaio degli anni ’50 e i piccoli oggetti per la casa e la tavola realizzati con Christian Dior), dall’illuminotecnica ai gioielli.

 

Tutte le opere, frutto di uno straordinario prestito da parte di appassionati collezionisti di tutto il mondo, sono firmate e numerate e mettono in primo piano, grazie alla loro impeccabile fattura, il gusto e la purezza del senso estetico formale della creatrice, che le ha plasmate studiando i materiali e lavorandoli in modo da sfruttare tutto il loro potenziale, spingendoli verso le loro estreme possibilità. «Nei mobili di Gabriella Crespi provi il piacere della materia naturale ma sempre preziosa –  ha detto il critico d’arte Vanni Scheiwiller – Mobili mobilissimi per diventare infine mobili plurimi. Mobili a sorpresa che come per un gioco magico si aprono, si chiudono, si cambiano, si trasformano». La ricerca creativa di Gabriella è impregnata anche da una forte spiritualità. Nel 1987 l’artista, al culmine del successo, si stabilisce in India, sulle pendici dell’Himalaya, per seguire un percorso spirituale. Tornata in Italia nel 1998 è pronta a ricalcare le scena con una vitalità e una attualità concettuali fuori dal comune e accetta l’invito di Stella McCartney a studiare una riedizione limitata di cinque gioielli metamorfici in bronzo, pietre dure e semipreziose, cristalli, realizzati negli anni 70, da presentare a Parigi in occasione dell’apertura del nuovo flagship store della stilista britannica. Grazie a un temperamento sempre frizzante, all’uso di materiali che rispondono alle esigenze di un design contemporaneo, come il legno, il metallo, le pietre e le lacche, Gabriella Crespi ha conquistato in pochissimo tempo la scena internazionale e il suo cammino di artista e la sua arte hanno già fatto scuola.  

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist