Il vero tesoro di Napoli, piena di guai ma felice come una Pasqua

14020758477_58f5208f62_z

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – “Felice come una Pasqua” è un modo di dire che ha una sorprendente profondità. La risurrezione di Gesù è la nota serena di fondo che risuona in tutta la cultura occidentale. Certamente ci sono stati tradimenti rispetto alla buona notizia del Gesù risorto e della fede che comporta, ma sempre è restato chiaro che “bisognerebbe” vivere lieti in conseguenza. Le stesse fiabe per bambini, che sono il paradigma dell’esistenza, in Occidente hanno il lieto fine mentre i cartoni animati orientali rappresentano grandi battaglie che non necessariamente finiscono con la vittoria del bene.

L’allegria, la gioia, la letizia (con le loro diverse sfumature) per noi mortali sono concepibili solo se c’è una speranza e la risurrezione di Cristo è la base della nostra speranza. L’allegria è una scintilla del divino, è l’emanazione dello Spirito Santo. Non a caso consideriamo affidabili le persone gioiose o, almeno, preferiamo convivere con loro piuttosto che con i melanconici. La tristezza è l’alleata del demonio: dal cuore triste nascono i peggiori pensieri.

Sono tornato a Napoli dopo tanti anni e sono rimasto sorpreso dalla quantità di persone che vedo ridere, anche se le condizioni socio-economiche suggerirebbero il contrario. Si è predisposti al sorriso perché resta un sottofondo di cultura cristiana. Prendere le cose troppo sul tragico è un difetto, anzi, a ben guardare, è un peccato contro la virtù della speranza.
Il vero tesoro di san Gennaro non è la magnifica raccolta di preziosità conservate accanto al Duomo: è il senso dell’umorismo di una città che ha un’umanità profonda radicata, a volte inconsapevolmente, nel cuore e nell’umanità di Gesù.

Foto Flickr

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •