Il diario fotografico di Sara Montali

E’ una raccolta di immagini nata come una sorta di sfida all’ignoto quella ideata da Sara Montali e della video-maker Katia Goldoni, un vero e proprio diario fotografico sull’attesa della fine del mondo che raccoglie, sul sito http://www.waitingfor2012.org con il titolo W4, 365 scatti, uno al giorno per un anno, dal 21 dicembre 2011 ad oggi, che scandiscono il tempo in modo ironico raccontando la realtà italiana attuale. Ne Gli amori difficili, Italo Calvino scriveva che <<Forse la vera fotografia totale (…) è un mucchio di frammenti di immagini private, sullo sfondo sgualcito delle stragi e delle incoronazioni>>, ed è forse questo quello che fa la fotografa italiana nel suo progetto cross mediale che ha già coinvolto 25 artisti che ogni due settimane, selezionati dalla curatrice Valentina Rossi, sono stati chiamati a dare sul sito una propria interpretazione sul tema dell’attesa creando una sorta di mostra virtuale.

<<Un diario fotografico – spiega Sara Montali – è, prima di tutto, una sfida. (…) E’ quasi una forma di meditazione. Non ho la pretesa di pensare che il diario di un singolo possa essere paradigmatico di una  totalità ma credo sia inevitabile il riconoscimento emotivo. La fotografia è democratica e tutti possono immedesimarsi.(…) L’ironia è stata la chiave di lettura per trasformare il dovere del quotidiano in un momento di libertà mentale ed estetica e questa gioia narrativa unita ai feedback avuti in questi mesi mi hanno fatta sentire vicina alla frase di Calvino, all’inizio magnificamente intellettuale ma distante>>. E da domani, quando l’epoca pre-ritorno-paura dei Maya, sarà terminata e gli scatti diventeranno protagonisti di una mostra itinerante, quale sarà la prossima data di scadenza?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •