I pm «non devono andare alla ricerca del consenso», disse De Magistris

Luigi De Magistris (foto Ansa)

Gentile direttore, finalmente stiamo uscendo da questa dolorosa crisi pandemica, e ci accorgiamo che siamo più poveri. È una povertà che si coglie non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto nelle relazioni personali e sociali. Il blocco delle libertà ha indebolito il tentativo di ripresa, la morte dei nostri cari ha appesantito il cuore, lo stillicidio di divieti e prescrizioni ha fiaccato i nostri desideri. Ci guardiamo attorno e vediamo una comunità disgregata e frastornata, dove si fatica a ritrovare i punti di riferimento. Chi ha sofferto di più sono i nostri giovani, usciti da lunghi mesi di Dad e di isolamento familiare. Ci dovremmo interrogare sulla nostra incapacità di adulti, padri e madri, di guardare e guidare i nostri figli. È come se il Covid avesse messo a nudo la nostra povertà educativa e relazionale, ove al vuoto valoriale si accompagnano l’assenza di proposte vere e di testimonianze significative. Fino a quando non s...

Contenuto riservato agli abbonati: abbonati per accedere.

Già abbonato? Accedi con le tue credenziali:

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist