Il Governo di larghe intese ha o non ha un pensiero sull’ecologia umana?

Si discute sull’assetto dei poteri dello Stato: cancellierato alla tedesca, semipresidenzialismo alla francese, bistecca alla fiorentina, verrebbe da aggiungere, tanto più che uno di noi insegna all’istituto alberghiero.

Stiamo alle cose: c’è un governo di larghe intese, e c’è tensione sociale.

Il 9 settembre 1946, nel periodo della Costituente, l’on. Dossetti (partito della Democrazia Cristiana) sosteneva in sede di prima-sottocommissione: «Venendo alla sostanza, cioè all’ideologia comune che dovrebbe essere affermata come base dell’orientamento sistematico della dichiarazione dei diritti, egli (l’on. La Pira, ndr) pone questa domanda: si vuole o non si vuole affermare un principio antifascista o afascista che non sia riconoscimento della tesi fascista della dipendenza del cittadino dallo Stato, ma affermi l’anteriorità della persona di fronte allo Stato? Se è così, ecco che si viene a dare alla Costituzione una impostazione ideologica, ma di una ideologia comune a tutti».

Prende la parola l’on. Togliatti (Partito comunista italiano) e il suo intervento viene riportato dal cancelliere in questo modo: «Per suo conto, lo Stato è un fenomeno storico, storicamente determinato, e la dottrina che egli (Togliatti)  rappresenta sostiene che lo Stato, ad un certo momento dovrebbe scomparire; mentre sarebbe assurdo si pensasse che debba scomparire la persona umana.
(Togliatti) è d’accordo anche che un regime politico, economico e sociale, è tanto progredito quanto più garantisce lo sviluppo della personalità umana…..”; si può infatti indicare  “ come  fine di un regime democratico quello di garantire un più ampio e più libero sviluppo della persona umana».

Oggi, la necessità di una democrazia decidente è fuori di dubbio, ma essa è come il contorno di una pietanza.

Quale è la pietanza?

Ancora l’on Togliatti: «Poiché si parte da una medesima esperienza politica comune, anche se non da una comune esperienza  ideologica, questo dovrebbe offrire un terreno d’intesa».

Quale è oggi l’esperienza politica comune?

La stessa di ieri e ieri l’altro ancora: il benessere degli uomini e delle donne.

L’”ecologia umana”, secondo la nota espressione di Benedetto XVI al Bundestag.

La novità non è Renzi, né un Berlusconi mite per tenere su il Governo, né è la quota rosa; neppure le diverse tipologie sessuali o i poteri del Cancelliere, del Premier, del Presidente.

La domanda prima è: il Governo di larghe intese ha o non ha un pensiero sull’ecologia umana?

Aspettiamo, ricordando al Presidente Letta e al suo vice Alfano, ciò che de Gasperi scrisse a Togliatti nel momento in cui la Dc decideva per l’asse atlantico, estromettendo quindi dal Governo i rappresentanti del PCI: «Lo si fa per la fame e per breve tempo».

I tempi poi, si sa, diventarono lunghi, ma la fame del popolo passò abbastanza in fretta.

Ps.

Nell’attesa potremmo darci da fare, magari ritrovandoci, come i veilleurs francesi, a leggere insieme un po’ di letteratura.

Proponiamo, come luogo d’incontro, il nuovo ristorante didattico dell’alberghiero don Gnocchi, che uno di noi – quello meno stravagante – vorrebbe intitolare “ab ovo”.

Lo si fa per l’ecologia e per breve tempo.

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist