Gesù e la Chiesa secondo Vito Mancuso

Alfano, il figlio conteso da Berlusconi, la Chiesa secondo Vito Mancuso, i domandoni di Natalia Aspesi e molto altro. Le orazioni di oggi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
NON C’È PIÙ RELIGIONE. Scandalosa Kate. (…) Kate Moss ha chiuso la faraonica sfilata, notoriamente la più lussuosa della settimana parigina, fumano voluttuosamente e platealmente una sigaretta.
Laura Laurenzi, la Repubblica

TI PIACEREBBE.
La libertà di ciascun evangelista nel narrare la figura di Gesù è il simbolo della liberta cui è chiamato ogni cristiano nel viverne il messaggio.
Vito Mancuso, la Repubblica

ERA SOLO UNA BATTUTA. Non esiste nessun ambito della vita di fede dove la libertà di coscienza non debba avere il primato (compresa la libertà di non prendere così tanto sul serio l’etichetta “valori non-negoziabili” apposta dal Magistero alla triade scuola-famiglia-vita).
Vito Mancuso, la Repubblica

FATTA L’ITALIA, SI FECERO GLI ITALIANI. Il conte di Cavour era frocio? Se lo chiede il mensile Pride che dedica un dotto articolo al Risorgimento gay.
Natalia Aspesi, la Repubblica

PREMIO CHISSENEFREGA. Sono stata un po’ di tempo in questo stato, a dire in giro che avevo chiuso il mio profilo su Facebook.
Elena Stancanelli, la Repubblica

FIGLI CONTESI. Quando conobbe i suoi genitori, il padre di Alfano lo ringraziò, «presidente vorrei ringraziarla per come si sta prendendo cura di mio figlio». «Se mi consentite anch’io lo sento un po’ mio figlio», rispose il Cavaliere: «E vorrei condividerlo con voi».
Francesco Verderami, Corriere della Sera

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •