Google+

Firenze e le grandi esposizioni di nicchia

luglio 22, 2014 Mariapia Bruno

La città di Firenze pare voglia schiarirci le idee in merito a quanto avvenuto nel mondo dell’arte nell’epoca dei primitivi (artisti attivi tra il Duecento e il Quattrocento, come Arnolfo di Cambio e Ambrogio Lorenzetti) e in quella che vede il trionfo di uno stile, come disse Vasari, «puro senza ornato», fiorentino tra il Cinquecento e il Seicento. E lo fa con due grandi retrospettive: la prima, presso la Galleria dell’Accademia è dedicata a quell’arte antica salvatasi grazio al collezionismo del Sette-Ottocento, la seconda, presso la Galleria degli Uffizi, rilancia il fiorentinismo purista di artisti come Andrea del Sarto, Andrea della Robbia, Jacopo da Empoli e Santi di Tito. Ma procediamo con ordine. Aperta fino al prossimo 8 dicembre, La fortuna dei Primitivi. Tesori d’arte dalle collezioni italiane fra Sette e Ottocento, presenta una serie di opere appartenenti alla tardo antichità cristiana, al Medioevo e al primo Rinascimento, sopravvissute fino ai nostri giorni grazie al gusto di collezionisti come Padre Raimondo Adami, Tommaso Obizzi, Stefano Borgia ed altri personaggi di varia estrazione sociale, colti, eruditi o membri del clero. Le loro erudite collezioni d’arte comprendevano tele di Andrea Mantegna (Sant’Eufemia), del Beato Angelico (Madonna dell’Umiltà con San Giovanni Battista, San Paolo e l’incontro tra San Domenico e San Francesco), di Cosmé Tura (Cristo in pietà sorretto dalla Vergine) e di Antonello da Messina (Cristo in pietà sorretto dagli angeli).

Con un piccolo salto temporale, che scavalca la «somma perfezione», come direbbe ancora Vasari, di Leonardo, Michelangelo e Raffaello, approdiamo alla seconda retrospettiva, intitolata Puro, semplice e naturale nell’arte a Firenze tra Cinque e Seicento. Aperta fino al 2 novembre 2014, la rassegna presenta le opere dei fondatori di un’ordinata maniera moderna, come Fra Bartolomeo (Padre Eterno benedicente con le sante Maria Maddalena e Caterina da Siena), Ottavio Vannini (Battesimo di Cristo), e Lorenzo Lippi (Fuga in Egitto). Le opere sono suddivise per tematiche: “pitture di casa”, dove dominano gli affetti intimi, “pitture di cose”, dove protagonisti sono gli oggetti domestici, e la “tradizione del sacro”, che chiude la mostra con tre busti del Redentore di Torrigiani, Caccini e Novelli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.