Esperimenti gender finiranno in una grande confusione e sofferenza per i figli

Non ci sono solo gli ultimi interventi di papa Francesco a ribadire, se ce ne fosse bisogno, la posizione della Chiesa sulle materie eticamente sensibili. Dopo i discorsi del Pontefice su aborto, eutanasia e fecondazione assistita e quello sui diritti dei bambini a crescere con una mamma e un papà, oggi la Radio Vaticana ha proposto due interviste a monsignor Jean Laffitte, segretario del Pontificio Consiglio per la Famiglia, e al rabbino Lord Jonathan Sacks. I due interlocutori aiutano a fare il punto sui lavori in corso in questi giorni in Vaticano durante il Colloquio interreligioso internazionale “Humanum. La complementarietà tra uomo e donna” (a cui era indirizzato il messaggio del Papa che appare nel nostro secondo link qui sopra).

MADRE E PADRE. Monsignor Laffitte ha evidenziato che «tutte le religioni credono nella Creazione e che ci sia un’intelligenza divina, che non è un atto assurdo e disordinato. Quindi, le religioni sono qui per testimoniare che nell’amore tra un uomo e una donna c‘è qualcosa che trascende non solo la loro persona, ma anche la loro relazione perché la loro relazione costituisce qualcosa per tutta la società. Ma di più, quando uno ama e si sa amato, allora, ha in sé questa intuizione che è amato da un Altro e che desidera amare un Altro, un Dio, un Dio buono».
Proprio l’intervento di Bergoglio a proposito del diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre è stato il fil rouge del convegno che ha evidenziato come ogni figlio «che viene alla luce ha il diritto di essere accolto da un padre e una madre. E dicendo questo dimostra che questa complementarietà non è uno studio teorico per esperti, è davvero un elemento in cui si esprime il fondamento e la radice di un diritto per il più debole, per il bambino. L’educazione è fondamentale, non poteva essere trascurata in questo congresso. Alcuni interventi importanti hanno ribadito l’importanza di questo riconoscimento del dato di natura, un dato fondamentale, strutturale»

ESPERIMENTI GENDER. Anche il rabbino Sacks ha voluto ricordare che i Colloqui in Vaticano hanno il pregio di voler «ricordare all’Occidente questa meravigliosa istituzione, la sacra alleanza del matrimonio, che è stata la forza dell’Occidente per duemila anni e che ora sembra stia perdendo, quando sono sempre più i Paesi in cui ci sono sempre più bambini che nascono fuori dal matrimonio e sempre meno persone che si sposano».
La diffusione della teoria del gender sta avvenendo perché «in Occidente i governi e ampi raggruppamenti di persone ignorano i dati basilari della biologia, sociologia e antropologia. La ragione per cui gli esseri umani sono diventati esseri umani è perché un uomo e una donna si sono uniti per proteggere e crescere i loro figli. È stata una realtà biologica molto prima che qualcuno la santificasse attraverso la religione. Sappiamo che i Paesi dove i matrimoni sono stati forti hanno avuto società forti e Paesi forti; lì dove i matrimoni sono deboli, nella generazione successiva la nazione stessa diventa debole. Parliamo quindi di qualcosa che non predichiamo come dogma, non ci limitiamo semplicemente a citare la Rivelazione, ma stiamo parlando di fatti stabiliti scientificamente. L’esperimento cui l’Occidente si sta sottoponendo oggi, abbandonando in larga misura il matrimonio tradizionale, è un esperimento che nessuna società ha sperimentato prima e che finirà in una grande confusione ed in una grande sofferenza per i figli che cresceranno senza entrambi i genitori».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •