Diventare come bambini. Funzionava al tempo degli apostoli, funziona sempre

preghiera

L’invito di Gesù a diventare come bambini ricorre tante volte nel Vangelo. Una volta prende fisicamente un bambino, lo mette in mezzo e spiega agli apostoli che bisogna diventare come lui: per tutta la loro vita non avranno dimenticato il volto di quel fanciullo. Quest’episodio fa capire ancora una volta che il cristianesimo non è una morale: è un rapporto vivo con Dio. Un rapporto che, fra l’altro, richiede anche una morale per formare la propria coscienza. Quello che conta è la relazione col Signore: l’esempio del bambino è quello che meglio lo rappresenta secondo l’insegnamento di Gesù.

Se siamo bambini davanti a Dio Padre quanto più lo saremo davanti a Maria, madre di Gesù e nostra madre. Quando andavo alle elementari c’era un quadro della Madonna alla sinistra dell’altare che mi piaceva molto. Da allora non l’ho più rivisto. Mi è rimasto un forte desiderio di ritrovarlo. So che sta a Napoli nella cappella dell’Istituto Pontano dei gesuiti.

Quando adesso recito il Rosario mi distraggo facilmente. Per me è un dispiacere e mi sforzo di pensare che l’Ave Maria non è altro che un’insieme di complimenti a Maria con un’unica semplice richiesta: pregare per noi ora e nell’ora della nostra morte. Questa considerazione mi aiuta ma mi fa bene soprattutto ricordare come pregavo davanti a quella immagine: allora mi raccolgo e resto più attento. È una considerazione che sento viva ora che siamo nel mese del Rosario. Certamente la Madonna ha la pazienza e la comprensione della madre per le debolezze dei suoi figli ma non per questo mi devo rassegnare al vorticoso disordine del mio cervello. Il modello del bambino funziona sempre.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •