«Da questo vi conosceranno». Qual è il distintivo del cristiano vero

amicizia-picasso

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «In hoc cognoscent omnes». Il latino è lapidario. «Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,35). Bisognerebbe apporre una lapide in tutti i luoghi frequentati da cristiani: «In hoc cognoscent omnes». È il distintivo, la griffe, la caratteristica del cristiano vero. Di ogni santo si potrebbe dire: questa è una persona che ha saputo voler bene. San Paolo descrive il cristiano tipo: «È paziente, è benigno; non invidia, non si mette in mostra, non si gonfia, non si comporta in modo indecoroso, non cerca le cose proprie, non si irrita, non sospetta il male; non si rallegra dell’ingiustizia, ma gioisce con la verità, tollera ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa» (1 Corinzi 13,4-7).

Una persona così è difficile incontrarla: è una persona che prega, perché senza l’aiuto dello Spirito Santo non si ha questo buono spirito. Il demonio non teme l’ortodossia, anzi l’esperienza degli esorcisti è proprio che i demoni si comportano confermando implicitamente le verità di fede. Il demonio non vuole che ci vogliamo bene e che riconosciamo l’amore di Dio nei nostri confronti. Perciò cerca di presentare la religione cristiana come una morale, privandola dello spirito del comandamento “nuovo” che scaturisce dall’incarnazione del Verbo.

Amare chi? Semplice: il vicino, come spiega Gesù nella parabola del buon samaritano. I vicini sono quelli che attendono il nostro affetto, cominciando dal più vicino che è Gesù. E anche dal «dolce Cristo in terra». Queste considerazioni mi aiutano a pregare per il Papa, chiunque egli sia.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •