Cina. Troppi bambini disabili abbandonati nella moderna “ruota degli esposti”: il governo la chiude

cina-bambiniIl 28 gennaio il governo comunista della Cina ha inaugurato in un ospedale di Guangzhou, capitale della provincia del Guangdong, una moderna “ruota degli esposti”, un nido in grado di accogliere in forma anonima quei bambini che i genitori altrimenti abbandonerebbero per strada. La struttura è stata però chiusa domenica a causa del numero troppo elevato di neonati lasciati.

TUTTI MALATI O DISABILI. Come riportato dall’agenzia statale Xinhua, in neanche due mesi 262 bambini sono stati deposti nell’incubatrice riscaldata dotata di allarme per avvisare medici e infermieri. Tutti i neonati, secondo Xu Jiu, direttore dell’ospedale, erano malati o disabili. In particolare: 110 erano affetti da paralisi cerebrale, 39 da sindrome di Down e 32 da problemi cardiaci. Il centro di Guangzhou fa parte dei 25 “nidi” aperti in tutta la Cina.

«INIZIATIVA POSITIVA». Secondo fonti cattoliche cinesi citate da AsiaNews, «l’iniziativa [dei nidi] è buona: anche in Europa, nel Medioevo, la Chiesa accoglieva i bimbi esposti. Oggi ci sono diversi casi in cui i cattolici cinesi di tante zone – soprattutto le suore, ma anche i laici – raccolgono i bambini abbandonati, in genere handicappati. C’è assistenza, cura per questi bambini che vivono sotto costante minaccia. Insomma, piccoli nuclei esistono già. I casi di Xian e Shenzhen sono benvenuti, perché potrebbe anche far diminuire gli aborti».

cina-bambini-guangzhouLEGGE SUL FIGLIO UNICO. Ora però il servizio è stato sospeso dalle autorità di Guangzhou ma il partito comunista dovrebbe leggere a fondo questo fenomeno. Se così tanti bambini, tutti malati, sono stati portati in così pochi giorni, infatti, è a causa della legge sul figlio unico. Dichiara Reggie Littlejohn, presidente dell’associazione Diritti delle donne senza frontiere: «È colpa della legge se questi bambini vengono abbandonati. Quando una coppia non può avere più di un figlio, i genitori vogliono essere sicuri che almeno quel bambino sia sano. I nidi per bambini sono in grado di salvare delle vite ma il vero problema è l’imposizione di un limite alle nascite, senza il quale sarebbe più facile per le famiglie tenere i loro bambini».

LA PRESUNTA RIFORMA. La legge sul figlio unico in Cina, che dal 1979 ha già impedito la nascita di 400 milioni di bambini, è stata da poco riformata durante il “terzo plenum” del Comitato centrale del Partito comunista cinese, che si è tenuto nel novembre scorso. Ora le famiglie in cui uno dei due genitori è figlio unico potranno avere due figli ma secondo lo stesso partito comunista la riforma «non è niente di che».
A causa dell’imposizione di un limite alle nascite, è diventato costume in Cina abbandonare i figli “di troppo” per non incorrere in pesanti sanzioni o abusi sulla persona, come aborti e sterilizzazioni forzate.