Capogiro, una mostra da far girare la testa


Sempre in primo piano nei quadri di martiri e decapitazioni, oggetto di studio per le teorie delle proporzioni corporee, profilo elegante nei ritratti della nobiltà rinascimentale e nelle sculture celebrative, scalfita nel dettaglio nelle monete, emblema dell’identità individuale, la testa dell’uomo ne ha di storie da raccontare. La mostra Capogiro, che sabato 9 giugno verrà inaugurata presso il Museo San Francesco della Repubblica di San Marino, mette il capo al centro della scena.

Concepita dalle studiose Cristina Calicelli e Sara Ugolini, l’evento mette in mostra fino al prossimo 22 luglio una serie di opere di artisti contemporanei che si sono accostati a questo soggetto investendolo di varie forme e significati. Da Alessandro Pessoli con la sua Testa che piange e sorride (2008), alle maschere ammucchiate di Carla Collesi Billi (Antenate 2007-2012), al Senza Titolo di Christine Remacle – una sorta di collage con fogli di carta sovrapposti su cui è dipinto un volto scuro -, al Message from the moon di Gabriele Picco, una vera e propria “testa d’uovo”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •