Google+

Ai piedi della croce

aprile 24, 2017 Marina Corradi

santuario-Caravaggio

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Santuario di Caravaggio, aprile. La sera del Venerdì Santo la signora A. andò alla Via Crucis di Caravaggio. Era stanca, e distratta. Pensava a tutt’altro che alla morte di Cristo. Aveva in testa il lavoro, e altre preoccupazioni. Quasi la meravigliò la gran folla che, verso le otto di sera, vide riversarsi nel cortile del santuario. Quanti: giovani e anziani, con le torce in mano, venivano per la processione. Nell’attesa che la Via Crucis iniziasse la signora A. entrò nella basilica. Ne amava sempre la penombra materna. Si sedette su una panca. Chiese alla Madonna una certa grazia, che le occorreva. Poi passò dal Sacro Fonte, a bagnarsi le mani in quell’acqua fresca e buona.

La Via Crucis iniziò che ancora il sole stava calando, rosso, nel cielo sereno. Un vento leggero si portava dentro echi di glicine in fiore e di menta dai prati. Che primavera splendente, pensò A., e contò quante ne aveva viste ormai, di primavere. Sono quasi vecchia, osservò, meravigliata, perché le pareva ieri che arrivava trafelata al liceo, e copiava i compiti di matematica all’ultimo momento.

«Exaudi, Dominem, vocem meam qua clamavit ad te…», iniziò a cantare il coro, con belle limpide voci. In mezzo alla gran folla A. continuava a inseguire i suoi pensieri. Il cielo andava imbrunendo, si accendevano le torce. Alla loro luce tremante le facce della gente, i volti freschi o segnati dalle rughe. Sono talmente distratta, si disse A., che avrei fatto meglio a non venire. Ancora si sentì addosso quel vento dolce, che sapeva di giovane erba. Il coro ora cantava una laude anonima, redatta da Francesco Soto de Langa nel XVI secolo. «Stava a’ pie’ della croce/ onde pendea ’l figliolo/ la madre in pianto e in duolo/ stupida e senza voce».

La signora A. leggeva il testo sul libretto. Non avrebbe saputo spiegare come fu che a quelle parole il suo pensiero fino ad allora assente cadde sulla frase: «Stava ai piedi della croce/ onde pendea il figliolo». Non fu per una sua volontà, ma come spontaneamente che immaginò la scena: Maria curva e dolente sotto alla croce, su cui il figlio agonizzava. Il giovane martoriato, però, aveva il volto di un figlio della signora A.

Questa immagine la colpì profondamente, come una lama che le si piantasse nel petto. Mio Dio, pensò, cosa deve essere stato vedere morire il proprio figlio in quel modo, si disse, quasi comprendendolo per la prima volta. «Vide il suo dolce nato/ mandar lo spirto fuore/ dall’affannato core/ povero e desolato». Mio Dio, cosa deve essere stato. Quell’istante di non voluta immedesimazione non voleva lasciarla, benché lei cercasse di liberarsene, perché faceva male: le restava addosso come una ferita.

Ora era scesa la notte, la folla procedeva veloce nel buio verso la successiva stazione della Via Crucis. A. camminava con loro, fissa su quel pensiero: mio Dio, cosa deve essere stato, e con una strana densa pena nel cuore. Solo la consolava, e la riempiva di meraviglia, che in quella sera di duemila anni dopo si fosse in così tanti, insieme, nel buio, giovani e vecchi, la torcia accesa in mano, zitti, a camminare dietro a una croce: a far memoria, ancora, della morte di quell’uomo.

Foto Flickr

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.