15 agosto. Maria è assunta in cielo per me, che sono il suo figlio unico

Da un po’ di tempo torno a pensare che la mia vita, come la vita di ognuno, è stata un susseguirsi di doni. Il primo dono è l’essere nato, poi l’affetto dei genitori e la loro cura, durata anni, per la crescita e l’educazione. Poi penso al dono della capacità di amare, il dono della bellezza attorno a me che richiama la bellezza dentro di me: l’aria, il mare, tutta la natura e così via. Le cose più belle della vita sono un dono, gratuite. Il dono per eccellenza è Gesù, che mi apre la strada, entra dentro di me, mi dà un modo bello e giusto di vivere e dà un senso alla stanchezza e alle sofferenze.

Il dono più dolce è quello di Maria. Da Maria mi sento capito e accolto. Mi sento in confidenza. Mia madre non era oppressiva ed era in confidenza con me: io capivo lei e lei capiva me; c’era un’unità che non aveva bisogno di parole. Ora mia madre mi segue dal Paradiso ma non mi sento orfano. Sento che Maria è ancora più mia madre. Non mi giudica, ha una pazienza infinita. Genera in me Gesù anche se sono piccolo. Sono un suo figlio unico.

Questa è una caratteristica divina: per Dio siamo tutti figli unici. E anche in po’ viziati, come il figliol prodigo. Maria è sempre pronta, ottimista, sempre contenta di essere interpellata. È assunta in cielo per me, per noi: mi segue col cuore umano, come umano è il cuore di Gesù. Sento che mi ha evitato occasioni e ostacoli che potevano perdermi. Con lei l’impegno duro diventa facile e umano.

Diceva san Josemaría: a Gesù si va, e si torna, per Maria.

@PippoCorigliano

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist