Google+

Blade Runner non è solo un film di fantascienza

ottobre 2, 2017 Simone Fortunato

C’è un prima e un dopo il capolavoro di Scott. Il sequel avrà la stessa tensione religiosa?

Blade-Runner-2049-trailer-human-chambers

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Ci sono dei film che segnano il prima e il dopo: Blade Runner, che esce nel 1982 è stata una cosa così. Uno di quei film che hanno colpito l’immaginario e hanno dettato il passo come in passato ce ne erano stati altri: Quarto potere, Sentieri selvaggi, quasi tutti i film di Kubrick, L’esorcista. Blade Runner esce nel 1982 e scompagina le carte. Non che la fantascienza prima fosse una sciocchezza. L’altro grande film di fantascienza, 2001: Odissea nello spazio, che esce nel 1968, sempre grazie a quel fenomeno di Stanley, aveva fatto piazza pulita di decenni di film, anche belli, di fantascienza da guerra fredda, intrisi di un clima di sospetto e della paura del nemico interno. I sovietici, mascherati un po’ ovunque, come nello splendido L’invasione degli ultracorpi di Don Siegel. Kubrick, con il suo film folle e squadrato, cartesiano fino al midollo eppure aperto all’inspiegabile, inserisce nel contesto classico della fantascienza un nuovo elemento, il tempo, e farà proseliti.

Il primo quarto d’ora di Alien di Scott è una ripresa in chiave horror di tante suggestioni di 2001 e poi sempre Scott, mollati i vari sequel di Alien, si dedica alla trasposizione di un romanzo di Dick a cui lavorò anche dopo l’uscita, mutando radicalmente il finale. È Blade Runner, che oltre a consacrare Ford come attore simbolo di certo cinema d’azione e d’avventura, restituisce un’immagine nuova del futuro: la verticalità della città, l’atmosfera plumbea e piovigginosa, la colonna sonora di Vangelis, gli elementi della narrazione hard boiled, la sofferenza eroica di un Marlowe nei panni di Rick Deckard, il detective che dà la caccia a degli androidi che sono a tempo, nelle mani di un creatore che si fa beffe di loro. Pessimista e inquieto, con un finale troppe volte rimontato, è il punto più alto della carriera di uno come Scott che fece benissimo fino ad allora e poi si perse un po’ per strada tra tanti medi film e qualche scivolone.

Sulle tracce del vecchio Blade Runner ci sono regista e attori diversi, anche se il vecchio Ford rimane. L’idea del nuovo regista Villeneuve è quella di farne un sequel tradizionale mantenendone l’impianto visivo e narrativo. Non sarà facile: il rischio coi sequel è di realizzare una fotocopia sbiadita o peggio di rendere artificiosi gli elementi di novità del film di partenza. Nel caso di Blade Runner, oltre all’estetica innovativa, una tensione religiosa mai più ritrovata nella fantascienza successiva.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.