Bevendo un sorso di Taedonggang, la birra che celebra il dittatore Kim Jong-un

In Corea del Nord spunta un curioso spot per pubblicizzare una birra celebrativa per l’ascesa al comando del supremo leader. È solo l’ultima delle stranezze di Kim Jong-un.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I cittadini nordcoreani da oggi potranno festeggiare la salita al potere di Kim Jong-un con una birra celebrativa dal nome che sembra uno scioglilingua, “Taedonggang”. Taendong è il nome del fiume che scorre al centro di Pyongyang, e il nome completo della bevanda è “Birra celebrativa per l’ascesa al comando del supremo leader”.

BIONDA NORDCOREANA. 5 sono i gradi alcolici della birra, commerciabile solo nel territorio nordcoreano. Sull’etichetta compare il volto sorridente e rassicurante, almeno secondo i produttori, di Kim Jong-un e il timbro del 2011, che non è l’anno di produzione ma l’anno i cui i Nordcoreani hanno accolto il nuovo leader. L’avvento di questa birra autoctona si deve Kim Jong Il, grande amante della bionda che però rifiutava di sottostare ai prodotti occidentali e per questo mise in vendita l’“orgoglio di Pyongyang”. Per essere certo della qualità del prodotto da proporre sul mercato nordcoreano, il dittatore acquistò una fabbrica tedesca, la smantellò e la ricollocò nella sua capitale. Corredando il tutto con spot televisivi dal sapore dittatoriale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •