Google+

Benigni leader dell’Ulivo mondiale

dicembre 8, 1999 Rold Da Gianluigi

di Gianluigi Da Rold

Il vertice dei “grandi riformisti” di Firenze ha spaziato, con interventi cosiddetti lungimiranti, su temi e problemi universali. Beh, si sa, la svolta millenaristica ha ormai contagiato anche i vecchi laici. Però non si è capito bene quello che dicessero, i vari Blair, Clinton, Jospin e soprattutto Massimo D’Alema. Sarebbe curioso fare un sondaggio sulla “comprensibilità” del vertice di Firenze. È vero, il premier italiano ha parlato del problema pensioni. Ma di questo si parla ormai da anni anche al “Bar Sport” di Treviglio. E forse con più competenza. Per il resto, tranne un “siluro” di Jospin a Clinton sulla pena di morte (e Bill, nemmeno fosse reduce da un “rapporto improprio” con la Lewinski ha battuto pure le mani a chi gli sparava addosso) il vuoto pneumatico, riempito dallo shopping delle “first sciure” e dagli impermeabili della ministra Melandri, che me telecamere Rai inquadrano anche quando va alla toilette. Certamente la politica, anche quella dei “riformisti mondiali”, è scesa dall’epicità al pensiero “debole e veloce”. Ma spendere tanti quattrini per un simile “rinfrescone”, con pacche sulle spalle tra i grandi è sembrata una esagerazione. A meno che, il tutto non fosse realizzato per rilanciare il film di Benigni e magari assicurargli un altro Oscar, magari tre in un colpo solo: a lui, alla moglie e agli zii; perché no? Il problema è che Benigni nella sua giullaresca presenza ha dato la linea al convegno dei “grandi riformisti”. Ne è uscito come l’unico autentico interprete del “summit”. Infatti, i telegiornali del regime ulivesco hanno pensato bene di schivare la nebulosa e confusa parte politica del convegno, dedicando invece minuti importanti al Benigni che abbracciava Bill Clinton e che dava i buffetti al baffuto D’Alema durante il pranzo ufficiale. Un vero peccato che il protagonista de “La vita è bella” non abbia fatto la relazione d’apertura al convegno fiorentino e non abbia poi tirato le conclusioni. A quel punto non solo sarebbe diventato un protagonista, ma un autentico leader. Perché nulla della politica dei “grandi riformisti” ufficiali, di oggi, meglio si adatta allo sproloquio toscano e demenziale dell’attore “del sistema Italia”. In fondo però, è mancata solo la consacrazione. Perché Benigni è già di fatto il leader vero di D’Alema, Clinton, Blair e del serioso Jospin.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.