Google+

Australia, due college gesuiti entrano nella disputa sulle nozze gay. A favore del sì

agosto 30, 2017 Redazione

I rettori del St Ignatius’ College di Sydney e del Xavier College di Melbourne scrivono a genitori, prof e studenti: meditare sugli insegnamenti di papa Francesco

australia-matrimonio-gay-ansa

Il dibattito sulla possibile legalizzazione del matrimonio fra persone dello stesso sesso in Australia promette di essere divisivo anche per le diverse denominazioni cristiane e per la stessa Chiesa cattolica, come lo è stata in Irlanda la campagna referendaria che ha preceduto l’introduzione delle nozze gay nella costituzione. A favore del same-sex marriage in Australia, infatti, si sono schierati non solo, come prevedibile, i “cristiani del dissenso”, ma pure i vertici di due prestigiosi college gesuiti, sebbene guardandosi dal raccomandare esplicitamente un voto per il sì.

COME SI È ARRIVATI AL REFERENDUM. Proprio come è avvenuto in Irlanda, anche in Australia è possibile che la disputa tra sostenitori e oppositori del matrimonio gay sia “risolta” da un referendum. Nel caso australiano, però, si tratta di un voto soltanto consultivo (dunque non vincolante per governo e parlamento), convocato per via postale e su base volontaria, dal momento che l’intenzione del premier Malcolm Turnbull di indire un vero e proprio referendum, ancorché sempre consultivo, è stata bocciata due volte dal Senato. Mentre infatti la coalizione conservatrice al governo è divisa sul tema (di qui la scelta di interpellare gli elettori), l’opposizione di sinistra, oltre a contestare all’esecutivo i costi e la costituzionalità del plebiscito postale, è convinta di poter portare a casa la riforma affidandola direttamente al voto del parlamento, come spiega un articolo della Bbc. Nel piano del governo Turnbull, le buste con il quesito potrebbero essere inviate agli aventi diritto già entro il 12 settembre, mentre per rispondere ci sarebbe tempo fino al 7 novembre. La pubblicazione dei ragazzi risultati è prevista per il 25 dello stesso mese.

DIVISIONI PREVEDIBILI. Tutto sommato era prevedibile che anche all’interno delle comunità cristiane del paese si formassero “lobby” contrapposte pro e contro il same-sex marriage. Il Guardian, per esempio, riporta la polemica scoppiata tra la “Coalition for Marriage”, che ha denunciato in uno spot televisivo il rischio che la legalizzazione delle nozze gay minacci la libertà religiosa rendendo obbligatorio l’indottrinamento gender nelle scuole, e il gruppo interconfessionale chiamato “Australian Christians for Marriage Equality”, che definisce la pubblicità un “depistaggio” e sostiene che la maggioranza dei credenti abbia intenzione di votare “sì”.

APERTURE SORPRENDENTI. Meno scontate le prese di posizione a favore della riforma da parte dei vertici del St Ignatius’ College di Sydney e del Xavier College di Melbourne, riportate in Australia dal Sydney Morning Herald e a Londra dal Catholic Herald. Non si tratta infatti di due istituti educativi privati qualsiasi, ma di due strutture cattoliche gestite dai gesuiti e frequentate dall’élite: «Il St Ignatius’s College – ricorda il settimanale cattolico inglese – è l’alma mater dell’ex primo ministro Tony Abbott, un convinto oppositore del matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre l’attuale leader dell’opposizione Bill Shorten ha frequentato lo Xavier College». Sia il rettore di quest’ultimo, padre Chris Middleton, sia il collega padre Ross Jones del St Ignatius hanno messo nero su bianco le loro aperture in due messaggi destinati ai genitori, al personale e agli studenti delle rispettive scuole, senza esprimersi esplicitamente per il “sì” al referendum ma invitando tutti a riflettere sull’insegnamento di papa Francesco su amore, misericordia e astensione dal giudizio.

UNANIMITÀ E AMORE. «Secondo la mia esperienza, tra i giovani vi è unanimità pressoché totale a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso, e le argomentazioni contro di esso non hanno quasi alcun impatto su di loro», si legge nella lettera di padre Middleton. «Essi sono guidati da un forte impegno emozionale per l’eguaglianza, e questo è certamente qualcosa che merita rispetto e ammirazione. Sono idealisti nei confronti del valore che attribuiscono all’amore, il valore primario del Vangelo».

IPOCRISIA E DISCRIMINAZIONE. Secondo il rettore del college dei gesuiti di Melbourne c’è anche il rischio che la Chiesa sia tacciata di ipocrisia e perda credibilità, visto che è già sotto accusa sulla pedofilia. Meglio sarebbe per i cattolici evitare di entrare in «aree controverse in tema di sessualità». I fedeli si preoccupino piuttosto di meditare se «negare [agli omosessuali] il diritto di sposarsi civilmente non sia una “ingiusta discriminazione”».

LA STESSA RAGIONE. Padre Ross Jones da parte sua aggiunge che le coppie di persone dello stesso sesso desiderano il matrimonio «per le stesse ragioni delle loro controparti di sesso diverso». Scrive il rettore del St Ignatius’ College: «Presumibilmente, le coppie dello stesso sesso che si assumono un tale impegno reciproco in buona coscienza, lo fanno riflettendo sull’esperienza e su cosa significhi essere umani, utilizzando la ragione donata loro da Dio».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.