Google+

Attenta Juve, la forza del Celtic non è solo nel pubblico

febbraio 12, 2013 Emmanuele Michela

Champions League: stasera pericolo per bianconeri nella tana dei Bhoys, dove ha perso anche il Barcellona. Celtic Park sarà una bolgia: 60mila tifosi, un allenatore in cerca di rivincite e una squadra giovane e tignosa.

«Non abbiamo mai visto uno spettatore fare gol. Il pubblico può aiutare, ma fino ad un certo punto, starà a noi spegnere subito eventuali entusiasmi». Prova a non mostrarsi preoccupato Gigi Buffon alla vigilia del match contro il Celtic: stasera va in scena l’andata degli ottavi di finale di Champions League, e sulla carta il solo vantaggio per gli scozzesi starebbe nel clima ostico con cui lo stadio accoglierà i bianconeri. Tutto vero: a Glasgow, sponda biancoverde, non aspettano altro che questa partita, dopo una stagione dove le sole grandi emozioni sono arrivate dalla Champions, e non da un campionato dove, orfani dei nemici Rangers, primeggiano tranquilli “solo” con 18 punti di vantaggio su Inverness e Motherwell.

PRECEDENTI CATALANI. Inutile ricordare quanto accadde proprio qui lo scorso 7 novembre, quando la vittima sacrificale scelta per celebrare i 125 anni del club fu niente meno che il Barcellona, protagonista di un match surreale dominato dai catalani da inizio alla fine, sconfitti però da una squadra arroccata, lesta e fortunata nel ripartire e arcigna nel non concedere mai spazi. È lo spirito Celtic, un CLUB che pur presentandosi senza i favori del prepartita ha cementato uno spogliatoio unito, creando un gruppo saldo intorno al mentore Neil Lennon e sudandosi centimetro dopo centimetro una qualificazione in Champions che lo scorso agosto sembrava abbastanza utopica. A guardare i numeri, un certo impatto il pubblico di casa sembra averlo: al Celtic Park mai nessuna italiana è riuscita a vincere, ed è proprio nelle gare interne che gli Hoops hanno costruito gran parte del loro successo europeo, con 4 vittorie e un pareggio tra le mura amiche. Considerando poi che la Juve giocherà il ritorno appena dopo la trasferta di Napoli (dove, verosimilmente, i partenopei si giocheranno l’ultima carta valida per rientrare effettivamente in corsa per lo scudetto), ecco che per i bianconeri stasera una partita chiusa in difesa potrebbe non essere sufficiente.

TECNICO E GRUPPO. Ma le pedine forti del Celtic non si limitano soltanto ai 60mila tanto celebrati tifosi che stasera scalderanno l’aria fredda di Glasgow. Bisognerà temere anche alcuni elementi dei Bhoys, forse sottostimati da tanta stampa, ma che invece stasera avranno voglia di mettersi in mostra. Uno su tutti è il tecnico, Neil Lennon, sanguigno nord-irlandese tifosissimo del Celtic, di cui è stato a lungo giocatore e capitano. Difficilmente si è dimenticato di quanto accadde nel 2001, quando i bianconeri batterono gli scozzesi grazie ad un rigore allo scadere concesso per simulazione di Nicola Amoruso. Lennon si imbufalì, e ora vuole vendicarsi, e c’è da stare certi che saprà trasmettere le motivazioni valide ai suoi. Se infatti la squadra sta crescendo è anche merito suo, maturato in due anni di guida del Celtic e ora bravo a plasmare un gruppo giovane dandogli carattere e cattiveria, costruendo un gruppo quadrato e tignoso. Sicuramente ci sarà da fare attenzione a Victor Wanyama, centrocampista keniota fratello minore dell’ex-interista Mariga: sarà lui che dovrà aggredire Pirlo e cercare di limitare il play-maker della Juventus. Interessante è poi Gary Hooper, attaccante 24enne dal gol facile, migrato dalla C inglese qualche anno fa e da tre anni perno dell’attacco dei Bhoys, mentre i guantoni del rientrante Fraser Forster potranno garantire la stessa inviolabilità avuta contro il Barcellona, quando i miracoli del numero 1 britannico gli valsero il soprannome di “la Gran Muralla”. Calciatori di buon livello, certo non eccelsi, ma che giocano con convinzione e cuore, e quindi un po’ tifosi. Chissà se Buffon avrà avuto ragione nel dire che i tifosi non fanno mai gol…

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    sto aspettando un pezzo per il dopopartita. celtic-juve 0-3

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.