Google+

Alle prese con la dichiarazione dei redditi? Notizie interessanti per voi (soprattutto se avete figli)

aprile 10, 2013 Massimiliano Casto

L’ultima Legge di Stabilità ha introdotto numerose novità in ambito fiscale. Soprattutto sull’Irpef che metterà qualche soldo in più nelle tasche dei contribuenti

Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

L’ultima Legge di Stabilità ha introdotto numerose novità in ambito fiscale: la più rilevante, che tra l’altro darà un boccata d’ossigeno alle famiglie e metterà qualche soldo in più nelle tasche dei contribuenti, riguarda l’Irpef. Infatti, la Legge n. 228 del 24 dicembre 2012, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre – meglio conosciuta come Legge di Stabilità – ha previsto l’aumento delle detrazioni per i figli a carico e per i figli portatori di handicap.

Tutti i pensionati ed i lavoratori dipendenti con figli a carico possono usufruire di queste  agevolazioni relative alle nuove detrazioni già dal 2013 in sede di retribuzione o pensione mensile, mentre tutti  gli imprenditori ed i professionisti potranno fruire dei nuovi sconti in sede di dichiarazione dei redditi per l’anno 2013, sia esso modello 730/2014 sia esso modello Unico 2014.
Dal 1° gennaio 2013, per i figli a carico, si ha diritto a una detrazione dall’imposta lorda pari a 950 euro per ciascun figlio – a fronte dei precedenti 800 euro del 2012 – elevata a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni (contro i 900 euro nel 2012). Tali detrazioni sono aumentate di un importo pari a 400 euro per ogni figlio portatore di handicap. È stato anche previsto che per tutti i contribuenti con più di tre figli a carico, la detrazione sia aumentata di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo.
L’agevolazione della detrazione fiscale per i figli a carico, con un particolare meccanismo di applicazione previsto da una circolare dell’Agenzia delle Entrate, è inversamente proporzionale al reddito complessivo, fino ad annullarsi in presenza di redditi molto elevati.

È utile ricordare che la detrazione per i figli è ripartita – nella misura del 50% – tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati ovvero, previo accordo tra gli stessi, spetta al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato. In caso di separazione legale ed effettiva – o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio – la detrazione spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario. Nel caso di affidamento congiunto o condiviso la detrazione è ripartita, in mancanza di accordo, nella misura del 50% tra i genitori.

In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione compete a quest’ultimo per l’intero importo. Se l’altro genitore manca o non ha riconosciuto i figli naturali e il contribuente non è coniugato – o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato –  per il primo figlio si applicano, se più convenienti, le detrazioni previste per il coniuge a carico. Lo stesso accade qualora vi siano figli adottivi – affidati o affiliati – del solo contribuente e questi non è coniugato, o – se coniugato – si sia in un secondo momento legalmente ed effettivamente separato.
Nessun incremento è, invece, stabilito per l’ulteriore detrazione di 1.200 euro a favore dei genitori con almeno quattro figli a carico, quale bonus complessivo e unitario a beneficio delle famiglie numerosa.

L’autore di questo articolo è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su altre questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a redazione@tempi.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.