Google+

Impegno anti tasse e anti deficit. I Tea Party Italia vogliono mettere alle strette il nostro Stato spendaccione

luglio 3, 2013 Francesco Amicone

Invece di muoversi «in continuità con le politiche di Monti» e di Tremonti, il governo Letta dovrebbe ridurre la tassazione. Perché la spesa pubblica non si taglia mai? Parla Giacomo Zucco, portavoce Tea Party Italia

«Letta si muove in continuità con le politiche Monti e dell’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti». «Vale a dire», spiega Giacomo Zucco, portavoce del Tea Party Italia, «che invece di abbassare le tasse e dismettere il patrimonio pubblico preferisce aumentare la pressione fiscale». Una politica fiscale fallimentare, secondo il Tea Party Italia che, come le omologhe associazioni statunitensi, promuove un’economia meno statalista e si batte contro la politica della spesa pubblica e l’oppressione del fisco. «La situazione drammatica – prosegue Zucco – assume i contorni della commedia, quando il governo si vanta di aver rimandato l’aumento dell’Iva grazie al decreto Fare che però porterà l’acconto Irpef e Irap al 110 per cento, produrrà aumenti dell’imposizione fiscale sottaciuti e nuove tasse, dal costo dei bolli alla creazione di accise sulle sigarette elettroniche».

Cosa dovrebbe fare il governo per risolvere la crisi del debito?
Quello che sta facendo il premier inglese David Cameron: tagliare la spesa e diminuire le tasse. Quando i governi delle democrazie più avanzate si accorgono di avere un peso sproporzionato nell’economia nazionale, tolgono le mani dello Stato dall’economia, riducono la spesa improduttiva e diminuiscono le imposte sulle imprese, sulle famiglie, sul lavoro.

In Italia sono molti i politici che propongono di abbassare la spesa pubblica e dismettere il patrimonio statale. Perché non si arriva a risultati concreti?
Perché la spesa pubblica e il patrimonio statale, le società partecipate, e via dicendo, garantiscono potere e voti. Grazie all’enormità degli asset pubblici e della spesa, lo stato ha una discrezionalità enorme. E per chi vive di voti, assumere e spendere per gli amici denaro pubblico, in modo discrezionale, è la strada più semplice per garantirsi il mantenimento del potere. Se un politico non può finanziare nessuno e non può assumere, il suo potere si riduce. In Italia, il lungo periodo di deficit alto ha prodotto una classe dirigente spendacciona. Per questo è difficile che agisca sulla spesa pubblica. Le democrazia affariste, purtroppo naturalmente tendono a ottenere il consenso servendosi di soldi pubblici.

Il 4 luglio avete organizzato un convegno a Roma. Il motto è “meno tasse, meno Stato, più libertà”.
La nostra associazione propone un pledge, un impegno, anti-tasse a tutti i candidati. Una sorta di contratto con gli elettori con il quale il candidato promette, in ogni situazione, di dare voto contrario ad aumenti della tassazione e del deficit pubblico. I candidati che vogliono sottoscriverlo, hanno l’appoggio dell’associazione. Qualora non lo rispettino, viene pubblicizzata la loro violazione.

Sembra un escamotage a metà fra il contratto berlusconiano e la democrazia diretta di stampo grillino. Funziona?
Il pledge è un’idea di Grover Norquist, presidente di Americans for Tax Reform. Sarà l’invitato d’onore al convegno del 4 luglio. L’impegno ideato da Norquist vincola l’eletto al comportamento da tenere in parlamento, non lo obbliga a ottenere qualche risultato. La sottoscrizione è aperta a tutti i politici senza distinzioni. Infatti, i parlamentari di questa legislatura che hanno firmato il pledge fanno parte di molti partiti. Anche per questo, il modello funziona. Negli Usa esiste fin dagli anni Setanta e ha contribuito a costruire una solida base di elettorato consapevole del fatto che può agire contro il problema della tassazione e di politici che rispettano le promesse sulle tasse.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. ragnar says:

    Io sono del parere che i politici vadano tutti minacciati di morte tramite tortura per obbligarli ad abbassare le tasse. Non c’é davvero motivo per cui le abbasserebbero.

  2. Giovanna Jacob says:

    I veri colpevoli non sono i politici, ma quelli che li votano. La stragrande maggioranza degli italiani continua a confermare quelli che sono i principali responsabili (Pd e Pdl) del disastro della spesa pubblica improduttiva, che consuma la nazione come un cancro, mentre hanno tenuto fuori dal parlamento gli unici che si battevano contro tasse e spesa (Fare, che comprende anche i Tea party). Quindi la stragrande maggioranza degli italiani vuole morire coscientemente di spesa e tasse. Gli altri non hanno altra scelta che andarsene. Ieri un imprenditore ha scritto questo a Severgnini: L’Italia è morta, andatevene finché siete in tempo.
    http://italians.corriere.it/2013/07/02/litalia-e-morta-andatevene-finche-siete-in-tempo/

  3. Giancarlo Orini says:

    Fin che avremo governanti delo stato, delle regioni, delle province e dei comuni pavidi, codardi, imbelli nono andremo da nessuna parte.Non si possono con remissività, servilismo, indifferenza avere 5 padroni (Europa, Italia, Regioni, Province, Comuni) , ne basta uno il comune che è vicino ai cittadini e sotto il loro controllo. Prendere a calci in culo il sindaco è facilissimo, con il presidente del consiglio o della Repubblica , bisognerebbe andare a Roma, in un periodo come l’ attuale non ci sono neanche i soldi per il treno. Non ci costringano ad eliminare fisicamente tutte le sunguisughe che ci spremono con tasse, regole assurde e balzelli vari per mantenere i parassiti che ormai sono di più di quanti producono ricchezza. Basta porca puttana, basta !! Gli schiavi si sono ribellati ( Spartaco ) i servi mai.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.