Google+

Zero tituli e No Fair Play

aprile 19, 2017 Alessandro Giuli

Passa per uno spaccagambe, Daniele De Rossi, barbuto e immusonito come un fabbro di periferia. Epperò che cuore!

de-rossi-jpg

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Canto la gloria di Roma, di De Rossi il polpaccio imperiale: quello con il tatuaggio a triangolo tipo segnale stradale di curva pericolosa con dentro un difensore che spacca la caviglia all’attaccante. Titolo del tatuaggio: No Fair Play, stampato oro su porpora sopra la maglietta-pigiama di un direttore con irriferibili trascorsi da ultras. Scorrettissimo? Può darsi. Ma ci sta bene, in un numero di Tempi dedicato al lato buono della cattiveria, alla rassicurante certezza che non tutto è ancora annegato nel liquido amniotico del correttismo imposto per decreto mediatico globale.

Qui si parla dell’AS Roma, certo, e lo si fa partendo dalla psicologia stracittadina del suo difensore totemico, Daniele De Rossi, effigie perfetta per rappresentare l’anima della miglior plebe romana. DDR è il dopo-Totti (bontà fatta mainstream, anzi mainstream fattosi pupone) che rimpiangeremo senza esserci accorti che, a forza di aspettare il suo turno, il nostro eroe si sarà incanutito. Passa per uno spaccagambe, DDR, barbuto e immusonito come un fabbro di periferia. Epperò che cuore, perfino troppo per non darci l’idea che la verità profonda della nostra squadra sta nell’incapacità di azzeccare le partite che contano (“È mancata la cattiveria…”). Perché al dunque DDR si fa prendere dall’emozione, palpita imbizzarrito, sbaglia il passaggio vitale, buca la diagonale e se possibile si fa espellere senza motivi chiari. La Roma è fatta così: vede il trofeo a portata di scarpino, infila tre match da incubo e si sputtana la stagione; da qualche anno incornicia la catastrofe con i colori biancoazzurri del nemico che sventolano sui derby perduti.

Dice: ma non ce l’hai una società? Eccome se ce l’ho. È pure americana, ma incapace di produrre dirigenti tanto stronzi per fuoriuscire dal romanticismo paesano giallorosso. Unfit to win. Anni fa mi cacciai in un guaio grosso coi moralisti della Sud, lamentavo che l’AS Roma non godesse neppure dell’alone delinquenziale tipico dei vincenti e cattivi juventini. Apriti cielo, se a Roma denunci la notte della sfiga. Teniamoci allora De Rossi col suo polpaccio: Zeru tituli e No Fair Play.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana