Google+

Yoko Ono, quando l’arte è solo presunta e presuntuosa

giugno 20, 2012 Elisabetta Longo

Perfidi che non siete altro, voi che pensate che se Yoko Ono non fosse la vedova di John Lennon non se la filerebbe nessuno. Al giorno d’oggi per fare arte basta definirsi artisti, come la figlia di Clint Eastwood, per esempio, che nel suo reality show fa a pezzi oggetti costosi. O come fa da vent’anni […]

Perfidi che non siete altro, voi che pensate che se Yoko Ono non fosse la vedova di John Lennon non se la filerebbe nessuno. Al giorno d’oggi per fare arte basta definirsi artisti, come la figlia di Clint Eastwood, per esempio, che nel suo reality show fa a pezzi oggetti costosi. O come fa da vent’anni Marina Abramovic, che utilizza se stessa come opera d’arte, con un significato talmente intrinseco che nessuno ha mai potuto contraddirla. Yoko Ono si colloca in mezzo a queste due categorie, a volte espone opere dal tema un po’ “introverso”,  a volte esibisce il povero defunto marito attraverso oggetti che gli sono appartenuti o filmati che lo riguardano.

Nella mostra “The war is over”, attualmente in scena a Londra alla Serpentine Gallery, la signora Ono usa degli elmetti da militare riempiti di pezzetti di puzzle per indicare la guerra. E, come se non bastasse, assembla una decina di video, tra cui uno che mostra a rallentatore il sorriso del marito John Lennon e da la possibilità anche ai visitatori di filmare il proprio sorriso al rallenty per “irradiare con il sorriso il mondo”, come si legge nel comunicato stampa. Questo attraverso una tecnologicissima app per iPhone e iPad che permetterà a tutto il mondo di filmare il proprio importante contributo e mostrarlo agli altri. Sempre meglio dell’esibizione che fece l’artista al Moma di New York nel 2010, quando intonò un verso simile a un orgasmo lungo ben tre minuti. Allora per fortuna non c’era a disposizione nessuna app da usare e condividere.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana