Google+

Yoko Ono, quando l’arte è solo presunta e presuntuosa

giugno 20, 2012 Elisabetta Longo

Perfidi che non siete altro, voi che pensate che se Yoko Ono non fosse la vedova di John Lennon non se la filerebbe nessuno. Al giorno d’oggi per fare arte basta definirsi artisti, come la figlia di Clint Eastwood, per esempio, che nel suo reality show fa a pezzi oggetti costosi. O come fa da vent’anni […]

Perfidi che non siete altro, voi che pensate che se Yoko Ono non fosse la vedova di John Lennon non se la filerebbe nessuno. Al giorno d’oggi per fare arte basta definirsi artisti, come la figlia di Clint Eastwood, per esempio, che nel suo reality show fa a pezzi oggetti costosi. O come fa da vent’anni Marina Abramovic, che utilizza se stessa come opera d’arte, con un significato talmente intrinseco che nessuno ha mai potuto contraddirla. Yoko Ono si colloca in mezzo a queste due categorie, a volte espone opere dal tema un po’ “introverso”,  a volte esibisce il povero defunto marito attraverso oggetti che gli sono appartenuti o filmati che lo riguardano.

Nella mostra “The war is over”, attualmente in scena a Londra alla Serpentine Gallery, la signora Ono usa degli elmetti da militare riempiti di pezzetti di puzzle per indicare la guerra. E, come se non bastasse, assembla una decina di video, tra cui uno che mostra a rallentatore il sorriso del marito John Lennon e da la possibilità anche ai visitatori di filmare il proprio sorriso al rallenty per “irradiare con il sorriso il mondo”, come si legge nel comunicato stampa. Questo attraverso una tecnologicissima app per iPhone e iPad che permetterà a tutto il mondo di filmare il proprio importante contributo e mostrarlo agli altri. Sempre meglio dell’esibizione che fece l’artista al Moma di New York nel 2010, quando intonò un verso simile a un orgasmo lungo ben tre minuti. Allora per fortuna non c’era a disposizione nessuna app da usare e condividere.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi