Google+

«Yoko Ono non fu la causa della rottura dei Beatles». Le rivelazioni tardive di Paul McCartney

ottobre 29, 2012 Elisabetta Longo

In una lunga intervista ad Al Jazeera, l’ex Beatles scioglie il più grande mistero musicale e assolve la moglie di John Lennon: «Il nostro scioglimento fu causato dal nuovo manager, non da Yoko Ono».

Il più grande giallo della storia della musica è stato risolto. Non è Yoko Ono l’omicida dei Beatles, nonostante quello che sia stato detto su di lei fin da quel fatidico primo incontro in una galleria d’arte con John Lennon. Paul McCartney ha infatti assolto l’artista giapponese nel corso di una lunga intervista con Al Jazeera, anticipata dal giornale inglese The Observer.

MANAGER E PROBLEMI. «Non è stata lei a spaccare il gruppo, non la si può incolpare di nulla, la band si stava già sciogliendo», racconta Sir Paul. La colpa fu casomai del manager dei Beatles, Allen Klein, scomparso nel 2009 e che quindi non può controbattere all’intervista piccata di Paul. Klein arrivò quando il gruppo rimase senza il suo primo storico manager, Brian Epstein, e rappresentò il cambio di rotta del quartetto, sopratutto dal punto di vista finanziario. Klein puntò al profitto e a Paul questa virata non piacque: «Mi ritrovai a litigare con i miei amici di una vita quando invece volevo solo difendere il gruppo dalle mire di Klein. A quel punto non rimaneva che dividersi».

IL MERITO DI YOKO. Paul McCartney riconosce a Yoko anche un merito nella vita di John: «Lo ha portato verso nuove rotte che non conosceva, gli ha fatto tirare fuori ancora di più la sua arte e l’avanguardia che aveva nel modo di comporre musica. Se non ci fosse stata lei pezzi come Imagine non li avremmo mai sentiti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana