Google+

Yara, Bossetti resta in carcere. La madre nega la relazione con Guerinoni

giugno 20, 2014 Chiara Rizzo

Ieri il gip non ha convalidato il fermo, ma ha disposto l’ordinanza di custodia cautelare. Bossetti: «Il mio cellulare ha agganciato Mapello perché è lì che vivo. Poi si è scaricata la batteria». La madre: «Massimo non ha fatto niente»

I carabinieri a casa di Bossetti

Il caso Yara Gambirasio continua ad essere un ciclone per tutti gli inquirenti bergamaschi. Fino a qualche giorno fa tutto sembrava concluso, chiaro e pacifico con l’arresto di Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino con dna compatibile al 100 per cento con quello recuperato sugli slip e i leggins di Yara. Ora però molto di questo caso sembra ancora in discussione.

NON CONVALIDATO IL FERMO, MA BOSSETTI RESTA IN CARCERE. Ieri il gip Ezia Maccora, che ha sentito finalmente la versione di Bossetti durante l’interrogatorio in carcere, non ha convalidato il fermo. La decisione però ha natura tecnica: il fermo è una misura pre-cautelare, che viene eseguita direttamente dalla polizia giudiziaria, in caso di flagranza o pericolo di fuga: per il gip però non esistono né l’uno né l’altro caso, dato che Bossetti in due anni non si è mai spostato da casa sua. Ciò però non significa che per giudici e procura Bossetti non sia gravemente indiziato, infatti secondo quanto riportato dall’Adnkronos, il gip ha deciso di disporre la misura di custodia cautelare proprio con questa motivazione. Servono tuttavia nuove prove, oltre a quella del dna, e quelle disponibili ora potrebbero non bastare.

LA DIFESA. Bossetti ieri ha dato ai magistrati il proprio alibi e alcune spiegazioni. Ha detto che la sera del delitto si trovava a casa propria con la famiglia, e che il suo cellulare aveva agganciato la cella di Mapello (la zona dove è stata trovata Yara) prima dell’omicidio perché quella è la stessa zona dove l’uomo abita; mentre il cellulare non avrebbe più agganciato quella cella nelle ore successive perché «era scarico, è un cellulare con una batteria che dura poco e quando sono tornato a casa l’ho semplicemente messo in carica». Bossetti ha assicurato di non aver conosciuto la vittima e che «Non so come il mio dna possa essere sul corpo di Yara».

LA MADRE NEGA LA RELAZIONE. Con un’intervista esclusiva al Corriere della sera, per la prima volta Ester Azzufini, la madre di Bossetti, ha dato la sua versione di quanto accade. Malgrado il quadruplice esame del dna (su di lei, sul figlio, sul marito Bossetti, e sull’autista Giuseppe Guerinoni) abbia dato per certo che Massimo Giuseppe sia figlio naturale suo e di Guerinoni, la donna ha dichiarato: «Per me non è così, al cento per cento. Non sono mai stata con Guerinoni». Ha ribadito infatti che «vivevo a Ponte Selva come lui. Non lo nascondo. Ma era solo una conoscenza. Mio marito aveva chiesto a lui e a Vincenzo Bigoni di portarmi al lavoro, in auto, alla Festi Rasini, perché già andavano in zona. Poi la sera tornavo in autobus. Ma tra conoscere una persona e avere intimità con lei ce ne passa» e che «Sì la scienza ha sbagliato. Ne sono la prova. So che vado alla gogna, che mi criticheranno, ma è così». Per la madre, senza ombra di dubbi, «Massimo non ha fatto niente, davvero».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana